wowwee ammazzati
voto: +6+x

“Tre persone sono morte per colpa della tua esibizione.”

“Hanno firmato le liberatorie.”

“C'è gente che mi sta col fiato sul collo qui.”

“Hanno tutti firmato le liberatorie. Sapevano a cosa stavano andando incontro, erano tutti adulti consenzienti.”

L'ultima mostra di Ruiz Duchamp è stata, a suo avviso, il suo capolavoro. Un'installazione che gli aveva richiesto circa cinque mesi per essere costruita, "wowwee ammazzati" era il suo omaggio alla stupidità. Aveva fatto tanti salti mortali per assolversi dalle responsabilità, eppure L'Uomo lo stava riprendendo comunque. Era ridicolo.

“Ti stanno chiedendo di sbarazzarti del vaiolo.”

Una delle parti più popolari di "wowwee" era "pughinialati da solo". Era semplicemente una scatola aperta contenente siringhe con diversi campioni delle malattie più virulente e dei veleni più mortali della storia dell'umanità. In questo modo era morto uno dei presenti, dopo essersi volontariamente iniettato una dose letale di tutto.

“Non comprometterò l'integrità dell'esposizione per far contenti dei deficienti.”

“Invece dovrai farlo, e anche le lame devono sparire”

L'opera più rumorosa del salone, "infilla le ditta nelle lamme no. 1-5 ", erano delle semplici seghe circolari in acciaio al carbonio ad alta rotazione. Erano state dipinte in brillanti colori primari ma, oltre a ciò, erano perfettamente normali e potevano facilmente asportare una mano. Due mani erano state deliberatamente tagliate dai critici.

“Ci sono avvertimenti ovunque; il punto centrale dell’opera è mettere le persone in un pericolo facilmente evitabile, ma molto reale. se ricontestualizzi qualsiasi sua parte, il tutto perde di senso.”

“Non ci siamo ancora.”

“Stai marciando al ritmo di tamburi de L'Uomo.”

“Sto cercando di salvare delle vite.”

“Stai cercando di salvare degli idioti che hanno infilato le loro dita dentro delle dannate seghe.”

“IL NOME DELL’OPERA GLI HA DETTO DI FARLO!”

“Al diavolo, almeno non ho messo l’opera "saltare da un ponte". Che catastrofe sarebbe stata.”

Ogni opera nella mostra era stata progettata per uccidere o, almeno, ferire gravemente. L'unico timore che Ruiz aveva era che una persona particolarmente idiota l'avrebbe usata per uccidere o, come minimo, ferire gravemente un'altra persona. Fortunatamente, questo non si era ancora verificato.

“Ti abbiamo già tolto il C4.”

“Che cosa? Nessuno ha nemmeno usato il "premmi il bottonne x fuokki d’artifikio", questo è assolutamente puritano!”

“La sicurezza viene prima di tutto. Non puoi tirare merda in giro in questo modo nella mia galleria.”

“Stai rovinando l'idea; l'avevi già vista in precedenza.”

“Il tuo lavoro è stato ricontestualizzato, la polizia prima non mi stava col fiato sul cazzo di collo. Devi rendere tutto sicuro o portarlo fuori da qui. Mi dispiace, sai che adoro la tua opera, ma le persone sono semplicemente troppo stupide per comprenderla.”

“QUELLO. È. LO SCOPO. DELL’OPERA. Se sei troppo stupido per sapere che non devi sederti su una sedia elettrica e tirare la leva, è colpa tua. Il loro sangue è la mia tela.”

“Lo so. Lo Capisco. Ma portala da qualche altra parte. Scusami.”

Ruiz era deluso. Entrò nella sua stanza preferita, superando la scatola di pillole di cianuro con su scritto "In omaggio, prendetene una". Passò oltre le ghigliottine con il conto alla rovescia automatico. Guardò passivamente oltre "Giuoca kon i kkoltelli". Aveva persino un’opera che stava risparmiando per un evento particolarmente deludente. Chiuse la porta ermetica e respirò lentamente. Tutti erano dei fottuti idioti. Nessuno l'aveva capito. Nessuno aveva VERAMENTE capito. Appena girata la manopola, l'azoto liquido iniziò a schizzargli sul cuoio capelluto e sulla carne. I suoi ultimi pensieri furono che non aveva importanza. Almeno Lui l'ha capito. L’ha davvero capito. E questo era tutto ciò di cui aveva bisogno.

"fatti una dokkia x essere fiko"

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License