SCP-966
voto: +1+x
Darkskullteeth%20infrared%201.jpg

SCP-966-2 (visto attraverso filtri a infrarossi)

Elemento #: SCP-966

Classe dell'Oggetto: Euclid

Procedure Speciali di Contenimento: La Squadra Speciale Mobile Iota-1 "Cacciatori di Sogni" e la Squadra Speciale Mobile Iota-2 "Cacciatori d'Aria" devono regolarmente essere alla ricerca di notizie riguardo improvvisi e violenti decessi umani correlati a una deprivazione del sonno, in modo da trovare e neutralizzare le rimanenti istanze selvatiche di SCP-966.

I quattro esemplari di SCP-966 (tre maschi, designati SCP-966-1, SCP-966-3 e SCP-966-4, e una femmina, designata SCP-966-2) acquisiti dalla Fondazione devono essere contenuti in una stanza 10 x 10 x 10 m fatta d'acciaio e foderata con piombo, situata nel Sito ██. Due telecamere di sicurezza con filtri e pellicola a infrarossi devono essere installate all'interno della camera. Ogni esemplare di SCP-966 dev'essere nutrito con 20 kg di carne ogni mese.

In caso SCP-966-2 partorisca, l'esemplare neonato dovrà essere studiato ed eliminato prima che raggiunga la maturità.

Descrizione: SCP-966 sono creature predatrici che ricordano umani glabri digitigradi, aventi una faccia allungata con una bocca allineata con denti aghiformi. Su ogni mano hanno cinque artigli che possono arrivare fino ai 20 cm in lunghezza. Nonostante siano affilati, essi possono facilmente rompersi, il che li rende inadatti al combattimento. La statura degli esemplari di SCP-966 varia dai 1.40 m ai 1.60 m, e possono raggiungere i 30 kg di peso. Sono fisicamente deboli e possiedono ossa cave e una bassa densità muscolare. Non sembra si riposino tramite il sonno, bensì interromperanno qualsiasi movimento a intervalli apparentemente casuali, per poi riprendere le normali attività dai tre ai cinque minuti dopo.

SCP-996 è visibile solamente nelle lunghezze d'onda che vanno dai 700 nm ai circa 900 nm. Questo vale per tutti i tessuti di SCP-966. Se la loro pelle, muscoli o organi hanno sofferto di ustioni di secondo o terzo grado, le aree coinvolte saranno visibili nelle lunghezze d'onda dai 360 nm ai 900 nm.

Gli esemplari di SCP-966 si nutrono di animali di medie-grosse dimensioni, incluso l'uomo. Cacciano sia da soli che in coppia. I loro metodi di caccia consistono in una singola emissione di un tipo di onde precedentemente sconosciute (denominate onde ██████, in onore del defunto Dottor ██████), le quali inibiscono permanentemente la capacità delle creature colpite di entrare nelle fasi NREM e REM del sonno. Anche il micro-sonno viene inibito. L'effettivo raggio delle onde ██████ si estende fino a 20 m; tuttavia i test mostrano che possono essere bloccati da metalli di post-transizione, in particolare il piombo.

Tutti i tentativi di far dormire le vittime di SCP-966 sono falliti. È ancora possibile indurre altre forme di incoscienza, anche se generalmente si riveleranno dannose per il soggetto in questione in quanto non forniscono un vero riposo.

Dopo aver privato la sua vittime del sonno, SCP-966 pedinerà la propria preda fino a quando la mancanza di riposo le renderà inerme. A questo punto SCP-966 procederà a consumarla. SCP-966 si è rivelato essere molto agile e silenzioso mentre pedina le sue vittime. In alcune occasioni emetterà deliberatamente rumori minacciosi intorno alla preda in modo da stressarla ulteriormente e potrebbe anche assalirla fisicamente se la vittima si rivela essere particolarmente coriacea.

Oltre ai comuni sintomi causati dalla deprivazione del sonno, alcune vittime di SCP-966 hanno dato segno di soffrire di allucinazioni estremamente vivide, insieme a improvvisi scatti d'ira senza nessuno stimolo esterno apparente. Si pensa attualmente che questi siano effetti di una prolungata esposizione alle onde ██████. Il motivo per il quale SCP-966 esponga di continuo solamente alcune delle loro vittime a queste onde è ignoto. Una delle ipotesi è che SCP-966 lo faccia solamente quando è estremamente affamato, in quanto ciò peggiora ulteriormente lo stato fisico e mentale della sua preda, inabilitandole in tempi più rapidi.

Istanze selvatiche di SCP-966 vengono trovate in tutto il mondo. Dalla loro scoperta nel 19██, la Fondazione è riuscita a ridurre notevolmente il loro numero, sebbene siano ancora presenti in grandi quantità in molti paesi, particolarmente in █████ e in █████ ███████.


Fonte ufficiale: SCP-966

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License