SCP-957
voto: +3+x
blank.png

Elemento #: SCP-957

Classe dell’Oggetto: Keter

Procedure Speciali di Contenimento: SCP-957 deve essere monitorato attraverso un sistema di videosorveglianza a distanza presente all’interno dell’abitazione dove risiede. Il personale può avvicinarsi e interrogare l’entità tramite l’autorizzazione di quattro membri del personale di Livello 3 o superiore.

Un soggetto di Classe-D deve soggiornare nella residenza più vicina a quella di SCP-957, allo scopo di esporre il meno possibile l’entità alla popolazione civile. La residenza di SCP-957 deve essere controllata per eventuali comportamenti anomali da parte di SCP-957-1, nella fattispecie simulare impotenza a causa della cecità. Nell’eventualità di ciò, un soggetto di Classe-D deve recuperare SCP-957-1 e riaccompagnarlo nella sua abitazione.

Descrizione: SCP-957 è un’entità umanoide attualmente residente a ██████, nel Kentucky. Questo organismo è alto all’incirca 2m e pesa 75kg. Risulta essere privo di organi interni, come dimostra la sua apertura nel torace, inoltre, sembra non necessitare di riposo né di sostentamento. Durante le interazioni con il personale, SCP-957 ha dimostrato di saper parlare fluentemente la lingua dell’interlocutore, anche se preferisce parlare una lingua attualmente sconosciuta. Non ha un atteggiamento apertamente ostile verso il personale della Fondazione, spesso tuttavia rifiuta di collaborare durante gli interrogatori e i test. I tentativi di trattenere l’entità per questi scopi sono stati inutili, a causa della sua spropositata forza.

SCP-957 occuperà sempre una casa abitata da un singolo essere umano, denominato SCP-957-1. Dopo il decesso di SCP-957-1, l’entità comparirà all’interno di un’altra abitazione che gode del requisito menzionato. Successivamente, l’individuo residente sarà forzato ad introdursi nella cavità presente sul torace di SCP-957, che risulta essere una sorta di portale. Il soggetto scelto rimarrà all’interno per circa quattro ore prima di riemergere. SCP-957-1 ne uscirà senza occhi e con drastici cambiamenti sulla memoria: l’individuo infatti crederà di essere cieco dalla nascita, conoscerà il Braille e sarà abituato a vivere da non vedente. Crederà altresì che SCP-957 sia un familiare, un caro amico o un partner coinvolto in una relazione intima, conseguenza di una serie di ustioni sul corpo di SCP-957-1, pertanto, il soggetto dimostrerà affetto a SCP-957, ma eviterà di toccarlo.

Una volta al mese, SCP-957-1 si recherà presso un luogo affollato e fingerà di trovarsi in difficoltà a causa delle sue condizioni. Ciò sembra avere lo scopo di attirare gente nella sua abitazione1. Una volta attirato il soggetto all’interno dell’edificio, SCP-957-1 chiuderà la porta a chiave, urlerà, si dirigerà verso il salotto e aspetterà di essere richiamato da SCP-957. A quel punto, SCP-957 si avvicinerà all’umano, e i due verranno circondati da una barriera sferica nera. Quest’ultima è composta da una sostanza sconosciuta apparentemente impenetrabile. Il fenomeno dura per circa cinque ore, tuttavia può durare anche di meno (30 minuti) o di più (27 ore). Durante questo periodo, l’umano sembra subire drastiche alterazioni fisiche2. Nel 30% dei casi osservati, l’umano è ridotto a un mucchio di organi apparentemente organizzato dal proprio apparato biologico. Spesso SCP-957 usa i resti per preparare un pasto a SCP-957-1. Il restante 70% viene gettato nel camino e bruciato.

Addendum-957-Gamma: Il 16/10/2006 SCP-957 si è avvicinando all’umano scelto quel mese. La barriera sferica si è manifestata come di consueto; tuttavia, in questo caso è diventata trasparente. All’interno della barriera era presente un gruppo di entità simili a SCP-957, raggruppate attorno a un oggetto conico quasi nascosto dalle figure. Ciononostante, all’interno di questa costruzione era visibile l’umano catturato, mentre le entità [REDATTO] per circa cinque ore. A questo punto l’umano, probabilmente morto, è stato rimosso dall’oggetto, smembrato e suddiviso in una pila di organi. Successivamente la barriera è scomparsa e ne è riemerso SCP-957 insieme ai resti umani.

Addendum-957-Lambda: In data 13/03/2007, i linguisti della Fondazione sono riusciti a tradurre buona parte della lingua parlata dalle entità, permettendo al personale di decifrare delle espressioni e frasi semplici. SCP-957 non deve venire a conoscenza di questa informazione, pertanto il personale continuerà a parlare con SCP-957 nella lingua abituale.

Addendum-957-Omega: Il 06/06/2008, SCP-957 ha tenuto una lunga conversazione nella propria lingua madre con un’entità invisibile. Il dialogo è stato registrato tramite dispositivi audio e video nascosti per la casa, tradotto dai linguisti della Fondazione e trascritto di seguito.

<Inizio Trascrizione>
SCP-957: Quanto ancora dovrò rimanere qui?
???: Ancora per un po’, <amico/fratello>. Il tuo travestimento funziona alla perfezione e il tuo <SCONOSCIUTO: "WOFRET"> è decisamente convincente. Molto meglio di quel [REDATTO]3. Puoi ancora parlare liberamente la nostra lingua, giusto?
SCP-957: Esatto. È solo che inizio a stancarmi e ad annoiarmi qui. Non c’è da stupirsi se <SCONOSCIUTO: "PLECEVIP"> ha distrutto il suo <SCONOSCIUTO: "WOFRET">. Questi/e <corpi/figure> <fisici/veri/impuri> sono così <limitati/penosi>. [SCP-957 si stiracchia.]
???: Abbi pazienza. Dobbiamo lasciare che controllino quei pochi per fare in modo che <i tanti/la famiglia/il gruppo> possa/possano lavorare liberamente. Concluderemo la <ricerca/osservazione> molto presto, non preoccuparti.
SCP-957: Ho capito.
???: Eccellente. Ci sentiremo al prossimo <SCONOSCIUTO: "OLLIT">. A tal proposito, dovresti organizzare un’altra farsa.
SCP-957: Certo, molto presto4. Ci vediamo la prossima volta.
<Fine Trascrizione>

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License