SCP-417
voto: 0+x

Elemento #: SCP-417

Classe dell'Oggetto: Euclid (potenzialmente Keter)

Procedure Speciali di Contenimento: A causa dell’impossibilità di spostare SCP-417 in maniera sicura, esso rimane fermo a ████████████████. L’area intorno a SCP-417 (approssimativamente 2.58 km2) è pattugliata da guardie armate e delimitata da un recinto di rete metallica sovrastato da filo spinato. I civili devono credere che un piccolo villaggio affetto da una malattia virulenta particolarmente pericolosa è stato messo in quarantena fino a nuovo ordine. In caso di intrusi, l’ordine è di sparare a vista. Solo i membri del personale di Classe-D possono maneggiare e lavorare direttamente con SCP-417. Dato che gli animali selvatici sembrano istintivamente evitare SCP-417, non c’è bisogno di intraprendere alcuna azione contro gli animali visti all’interno dell’area delimitata.

Tutte le vittime di SCP-417-1 possono ricevere l’eutanasia dietro richiesta, e i loro corpi devono essere posti dentro un contenitore sigillato e cremati immediatamente. Coloro che non richiedono eutanasia subiranno lo stesso tipo di eliminazione, a meno che non si tratti di soggetti per i test.

Descrizione: SCP-417 è un albero che, per la struttura e le dimensioni generali, ricorda un baobab africano, non presenta traccia di fogliame e per questo appare come un albero morto. La sua corteccia ha un aspetto scolorito e un colore grigio. Nonostante la mancanza di foglie, SCP-417 fruttifica ogni tramonto. Piccoli boccioli si formano al sorgere del sole e il frutto cresce e matura velocemente nel corso della giornata, prima di maturare del tutto in frutti che presentano un guscio molto duro, grandi all’incirca come melagrane. Questo frutto ha una buccia nera o violacea e al tatto appare per lo più liscio, diventando bitorzoluto quando troppo maturo. Il suo guscio duro può essere tagliato o rimosso a mano o con strumenti.

La rimozione della buccia non rivela alcun frutto o polpa, ma una cavità vuota contenente diversi insetti conosciuti collettivamente come SCP-417-1. L’aspetto e la specie di SCP-417-1 cambia da frutto a frutto, così come la portata dello sciame (Vedi Addendum #417-B). SCP-417-1 attaccheranno all’unisono ogni cosa che si muove, infliggendo morsi e punture incredibilmente dolorose.

Nell’arco di pochi minuti, i morsi inflitti dallo sciame si gonfieranno in ulcere dolorose caratterizzate da piccole ferite da puntura. Nessun rimedio conosciuto è in grado di lenire il dolore dei morsi. Nel 5% dei casi registrati, i morsi e le punture non hanno effetti permanenti e il gonfiore e il dolore si riducono dopo un paio di giorni. Nel 45% dei casi, coloro che sono stati morsi cominceranno ad avere delle convulsioni e avranno un arresto cardiaco fatale nel giro di diverse ore. In quello stato, il loro corpo marcirà e si dissolverà a un ritmo accelerato. Nel punto in cui il corpo si è dissolto, crescerà un nuovo albero nel giro di un paio di giorni.

Nel rimanente 50% dei casi, dopo un periodo di tempo indeterminato che varia dalle 2 alle 24 ore, coloro che hanno subito i morsi dello sciame cominceranno a lamentare forti dolori e atrofia muscolare, espellendo carne da [DATI CANCELLATI] sembra coincidere con la massa approssimativa di SCP-417-1.

Mentre crescono, gli alberi degli insetti, come sono stati definiti, sono vulnerabili all’incenerimento, all’abbattimento e agli erbicidi comuni.

SCP-417 non può essere spostato, in quanto tutti i tentativi di abbattere o smuovere l’albero originale sono risultati nell’eccessiva agitazione dei rami, causando la caduta sul terreno di tutte le istanze del frutto, i quali si sono aperti e hanno rilasciato enormi sciami di SCP-417-1. Fortunatamente, SCP-417-1 non sembra in grado di sopravvivere più a lungo di 1-2 ore, morendo senza dare troppi problemi. Se il frutto di SCP-417 non viene colto o fatto cadere dal ramo, si limiterà semplicemente a marcire sul ramo e cadere a terra, senza effetti dannosi.


Addendum #417-A: Sebbene SCP-417 sia al momento registrato come elemento di classe Euclid, il suo potenziale diffusivo ha suscitato qualche discussione su una possibile ricollocazione a classe Keter.

Addendum #417-B: Esemplari di 417-1 degni di nota:

  • Diverse dozzine di creature somiglianti a ragni vedova nera, eccetto con solo quattro lunghe zampe, simili a quelle dei grilli, in grado di coprire distanze notevoli a saltando a una velocità incredibile.
  • Venti vespe a strisce rosse e arancioni dalle ali simili a quelle delle farfalle, in grado di volare a velocità sorprendenti.
  • Un singolo millepiedi nero, lungo cinque metri, arrotolato su se stesso all’interno del frutto.
  • Migliaia di piccolissime creature somiglianti a moscerini della frutta che emettevano un ronzio ad alta frequenza.

Fonte ufficiale: SCP-417

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License