SCP-389
voto: 0+x

Elemento #: SCP-389

Classe dell’Oggetto: Safe

Procedure Speciali di Contenimento: SCP-389 non richiede un contenimento particolare. Quando non in uso, è conservata in un ripiano nell’ufficio del Dottor ███████ al Sito ██, vista la prossimità del Sito al mare.

Descrizione: SCP-389 è una bottiglia di vetro verde, di circa 45 centimetri in lunghezza. Non ci sono segni o altre caratteristiche distintive.

SCP-389 sembra essere altamente resistente al danno, essendo stata fatta cadere o buttata giù dal proprio scaffale diverse volte senza presentare fratture, sbeccamenti o danno di altro tipo. Analisi del materiale che la compone rivela che esso è identico a del comune vetro.

L’oggetto fu scoperto il [DATI CANCELLATI] in possesso di una ragazzina di 15 anni di nome █████████████. Condivise volontariamente la storia dell’oggetto per come la sapeva, ovvero: la scoprì sulla spiaggia approssimativamente sei anni prima. Per gioco, compose un messaggio, lo piazzò all’interno di SCP-389 e lanciò l’oggetto in mare. Diversi giorni dopo tornò alla spiaggia, per trovare SCP-389 spiaggiato sulla costa, con una risposta al suo interno. La ragazza sostiene di aver sostenuto una corrispondenza con un’altra persona in questo modo sin dal giorno di questa scoperta.

Sotto esperimento, fu scoperto che questo fenomeno sembra verificarsi con qualsiasi messaggio e, una volta lanciata in mare, ritornerebbe la bottiglia con l’alta marea del giorno seguente, contenente una lettera. Un test consistente nel mandare la bottiglia senza alcun messaggio all’interno risultò nel ritrovamento della bottiglia il giorno dopo, ancora vuota.

I messaggi ricevuti sono scritti in Inglese, e sembrano prodotti con una macchina da scrivere. La compositrice delle lettere sembra restia a rivelare qualsiasi dettaglio personale, a parte il suo stesso nome (Gedril) e il suo sesso. Qualsiasi richiesta riguardo la sua locazione geografica è stata ignorata.

“Gedril” descriverà nelle sue lettere l’area attorno alla propria casa, la vita selvatica che vi abita, cibo, cultura, costumi e in generale qualsiasi cosa non pertinente a sé stessa in dettaglio, se possibile, anche se la sua conoscenza di molte cose è limitata. Molte delle cose descritte sono inusuali; fra queste vi sono ad esempio alberi che si sradicano in autonomia e migrano, o il ciclo vitale di insetti che assomigliano fisicamente a una specie di Coccinellidae (colloquialmente conosciute come coccinelle), che ad un certo punto include diversi membri della specie allo stato larvale che si radunano, si liquefanno spontaneamente in una massa unica, per poi riformarsi in qualità di adulti.

Dispositivi di rintracciamento mandati insieme al messaggio con SCP-389, senza differenza alcuna se contenuti al suo interno o semplicemente fissati al suo esterno, si guastano invariabilmente dopo che SCP-389 sorpassa i 100 metri dalla riva. Qualsiasi altro tentativo di rintracciare SCP-389 è ugualmente risultato in un fallimento.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License