SCP-3693
voto: +2+x
Elemento#: 3693
Livello2
Classe di Contenimento:
euclid
Classe Secondaria:
none
Classe di Disturbo:
dark
Classe di Rischio:
avviso

theother.jpg

Illustrazione di SCP-3693.

Elemento #: SCP-3693

Classe dell'Oggetto: Euclid

Procedure Speciali di Contenimento: SCP-3693 è contenuto in un caveau di sicurezza nel Sito 19.
A causa del comportamento incerto di SCP-3693 e dell'impossibilità di usare strumenti video per percepire SCP-3693, l'oggetto deve essere sempre tenuto monitorato da un osservatore umano tramite una camera di osservazione adiacente al caveau di contenimento. Qualsiasi cambiamento nel comportamento deve essere riferito allo specialista del contenimento di SCP-3693.

Descrizione: SCP-3693 è una scultura di ceramica altra 1,6 m ritraente una giovane donna di età non determinata.

SCP-3693 può essere vista solo quando gli occhi degli osservatori sono chiusi; nonostante sia visibile attraverso le palpebre chiuse, le altre barriere (come muri o porte) ne ostruiranno la visuale in parte o interamente. Tipicamente è osservato fluttuare a qualche centimetro dal terreno, ma occasionalmente si appoggerà su di esso se non viene mosso per qualche tempo.

Quando osservato, SCP-3693 si avvicinerà velocemente all'osservatore, entrando nello spazio non occupato più vicino, arrivandogli fino a pochi centimetri di distanza, girandosi per rivolgergli il volto. SCP-3693 si muoverà per raggiungere il livello degli occhi, a seconda dell'altezza dell'osservatore. Se l'osservatore si muove dalla posizione originale con gli occhi ancora chiusi, SCP-3693 lo seguirà mantenendo sempre la stessa distanza. Una volta che l'osservatore apre gli occhi, SCP-3693 cesserà ogni movimento. Anche quando non visto, SCP-3693 occupa un volume e può essere toccato e spostato; non sembra essere in grado di muoversi attraverso i muri o interagire con le porte.

I soggetti che osservano SCP-3693 spesso riferiscono di avere la sensazione di essere guardati; l'esposizione a lungo termine porta a disagio moderato. SCP-3693 non ha intrapreso alcuna azione ostile da quando è in custodia alla Fondazione.

Addendum 3693.1: Rinvenimento

SCP-3693 è stato rinvenuto nel 1995 sull'Isola di Hashima, Giappone, da agenti della Fondazione che stavano investigando leggende locali riguardanti il fantasma di una donna uccisa da un amante respinto. Durante la perlustrazione del piano interrato di un magazzino abbandonato gli agenti hanno avvistato SCP-3693 premuto contro una paratia in vetro, seguendoli quando chiudevano i loro occhi. Ulteriori ricerche in luogo hanno scoperto abbondanti quantità di detriti di cemento frantumato e di barre di acciaio contorte, oltre a svariati scarichi a pavimento otturati da sangue e materia fecale. Nelle vicinanze è stato rinvenuto il cadavere di una donna con il collo rotto.

Dopo avere contenuto SCP-3693, gli agenti della Fondazione sono tornati nel magazzino per continuare l'indagine; il seminterrato era scomparso. È in corso una indagine per identificare il cadavere recuperato.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License