dissociazione
voto: +4+x

nota dell'autore:

(questo documento riguarda

un'anomalia autocontenuta.

se siete stati assegnati a questo

c'è stato un errore.

non è uno scherzo.

benvenuto.)


3183

cosa siamo, ma quelle

cose nel retro delle nostre menti

e nelle profondità dei nostri cuori


classe safe

anche se lo so

essere protetto

non è il mio destino

anche se lo so

essere gioioso

non è il mio destino

anche se lo so

essere conosciuto da tutti

non è il mio destino

c'è nostalgia

dove c'è dovere;

eppure resto

la
mia
mano.


contenimento

la città è diventata troppo grande per me

e dentro di essa ero perso

le macchine erano troppo v e l o c i

a
l
t
i grattacieli erano troppo i

per me da chiamare casa.

ho cercato
(e trovato)
(mi hanno dato)

unpiccolospazioperme

dove posso:

  • pensare

e posso:

  • respirare,

e posso:

  • essere
  • me
  • stesso

ed è questo — ciò che chiamo casa.


descrizione di sé

mi piacerebbe.

ego.

superego.

sono al centro

dove non ci sei tu ci sono io

dove ci sei tu non ci sono io.

nel tuo cuore

nella tua mente

nella tua anime

io sono tutti

e non sono nessuno

niente di comodo

dove ti ferisci

dove ti spaventi

io seguo.

per essere
perserverante

per non essere
paralizzato

per essere
l'assenza
di cui hai bisogno

l o sai

d ove vai

quando lo

s t a t i c o

s i c h i u d e

e non puoi più gestirlo e non puoi più essere qui e vuoi solo fare una fottuta pausa

ed i tuoi movimenti

non sono più tuoi

e le tue parole

non sono tue

ed il tuo corpo

non è più

fottutamente tuo

ciao



pronto?











ciao.
.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License