SCP-307
voto: 0+x
carnivorousivy.jpg
SCP-307

Elemento #: SCP-307

Classe dell'Oggetto: Keter

Procedure Speciali di Contenimento: SCP-307 deve essere tenuto in un vaso da fiori di acciaio inossidabile, in una camera di crescita idroponica attrezzata con luci e irrigatore mantenuti a distanza. I lati del vaso devono essere attrezzati con lame circolari retrattili, i cui controlli devono essere collocati all'esterno della cella di contenimento e tenuti sotto sorveglianza. La camera idroponica deve essere collocata in una stanza di 5m x 5m x 3m con pareti, pavimento e soffitto di acciaio inossidabile. Non devono essere poste finestre nella stanza - tutta la luce deve provenire da quella della crescita idroponica, e ogni osservazione di SCP-307 deve essere monitorata con una telecamera di sicurezza. La temperatura della stanza deve essere mantenuta sui 15°C per ritenere la produzione di semi.

Se ritenuto necessario, l'accesso alla stanza di SCP-307 deve essere eseguito da robot comandati a distanza. Nessun essere umano deve nel modo più assoluto accedere alla cella di contenimento di SCP-307, a seguito dell'Incidente 307 (vedi Addendum 2).

Qualsiasi esemplare di SCP-307 venga scoperto al di fuori della cella di contenimento deve essere bruciato immediatamente, finché non ne rimangono solamente le ceneri. Qualsiasi membro del personale che entri in contatto con SCP-307 deve essere incenerito allo stesso modo.

Descrizione: SCP-307 è una pianta rampicante, simile in apparenza alla comune edera inglese (Hedera helix), tranne che per la presenza di spine verdastre sugli steli, e per la tendenza delle foglie di sfoggiare una sfumatura violacea. Il rampicante mette radici approssimativamente ogni 30.5 cm (12 in). Le radici possono penetrare qualsiasi materiale poroso, ma non il metallo. Ogni parte della pianta che non sia connessa al sistema di radici è considerata morta e innocua per esami ravvicinati.

SCP-307 sembra essere carnivoro, e sembra esibire un certo grado di intelligenza (vedi Documento 307-A). Quando si trova in presenza di animali a sangue caldo (d'ora in poi definite "vittime"), cresce ad un rateo di rapidità stupefacente nella direzione dell'animale, spesso facendo crescere tre rampicanti alla volta in quella che sembra essere una manovra di accerchiamento. Al contatto, SCP-307 sembra paralizzare la vittima, e poi liquefare e suggere tutti gli organi interni, muscolatura, e sangue. I meccanismi grazie ai quali ciò accade sono ad oggi sconosciuti; ad ogni modo, questi hanno condotto i ricercatori a chiamare l'esemplare "edera aracnide".

SCP-307 venne scoperto per la prima volta dall'Agente "Apocalemur" in ████████, ████, dove la vide crescere rapidamente lungo il tronco di un albero e consumare un nido di pettirossi americani. Ricerche seguenti hanno rivelato la diffusione della pianta attraverso il Nord America. Ha dimostrato di essere altamente resistente ad ogni tentativo di avvelenamento. Ciò ha incluso tutti gli erbicidi disponibili sul mercato, l'esposizione a piante allelopatiche, e la formaldeide. Ad eccezione del campione ottenuto per motivi di studio, la pianta è stata incenerita ovunque sia stata trovata - in ogni caso, è molto probabile che molti esemplari esistano ancora al di fuori del controllo della Fondazione. SCP-307 è tenuto in vita nella speranza di creare un agente biologico da usare sulla popolazione selvatica.

Documento #307-A: Annotazioni sull'esperimento

Esperimento 1: █/██/████. Vassoio di camole introdotto nella cella.
Risultato: SCP non ha mostrato segni di movimento.

Esperimento 2: █/██/████. Tarantola cilena introdotta.
Risultato: SCP non ha mostrato segni di movimento. Non ha reagito quando la tarantola si è arrampicata su SCP.

Esperimento 3: █/██/████. Topo vivo introdotto nella cella.
Risultato: SCP ha iniziato immediatamente a crescere in direzione del topo. Un rampicante esteso direttamente verso di esso, mentre altri due crescevano attorno e di fronte ad esso, circondando effettivamente il topo. Il topo è diventato immediatamente rigido ed ha smesso di muoversi a contatto con SCP-307. Il comportamento è proseguito per altri 26 secondi prima di cadere su un lato, evidentemente morto. I rampicanti fuori dal vaso sono stati recisi, permettendo al personale di classe D di raccogliere il topo. Al recupero, è stato notato che il topo era privo di ogni struttura anatomica a parte pelle ed ossa. Il topo è stato conservato per ulteriori esami.

Alla dissezione, i ricercatori hanno notato una completa assenza di sangue, organi interni, e muscolatura. Tutte le strutture interne erano invece sostituite con un sistema di radici, che i ricercatori hanno rintracciato fino al cranio del topo. Un singolo seme è stato trovato nel cranio altrimenti vuoto del topo. Il topo è stato successivamente incenerito.

Esperimento 4: █/██/████. Introdotto barattolo contenente 130 afidi. Ulteriore videocamera aggiunta per inquadrature ravvicinate.
Risultato: Le afidi si sono fatte strada per attaccarsi su SCP-307 e nutrirsi. SCP-307 non ha dato segni di alcuna risposta visibile. Tutte le afidi sono morte entro cinque (5) minuti dalla prima suzione. Notato potenziale per uso insetticida.

Addendum 1: Note di interesse raccolte da Agente Apocalemur durante l'osservazione di SCP-307.

Addendum 2: Alla luce dell'Incidente 307, SCP-307 è stato ricollocato in classe Keter. Gli appropriati adeguamenti del protocollo di contenimento sono stati osservati. Vedi Rapporto Incidente 307 per maggiori dettagli.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License