SCP-2998

Documento rivisto in data 30/04/14; nuove informazioni evidenziate in blu.

Elemento #: SCP-2998

Classe dell'Oggetto: Euclid

Procedure Speciali di Contenimento: La Fondazione ha modificato le frequenze radio e gli standard di costruzione dei dispositivi elettronici di tutto il mondo, in modo da evitare la produzione civile di strumenti in grado di captare SCP-2998. Tutti i dipartimenti di monitoraggio di apparecchi radiofonici, Internet e comunicazioni stampa inerenti alla Fondazione devono essere tenuti in allerta costante per eventuali apparizioni di immagini o descrizioni inerenti SCP-2998. In aggiunta, i membri del personale e il personale di Classe D devono essere esposti al segnale associato a SCP-2998 in modo da determinare una loro possibile partecipazione al Progetto Rosetta e l’assegnazione permanente a SCP-2998; ad oggi, non sono state scoperte altre modalità per determinare la presenza effettiva di un cluster Rosetta negli esseri umani.

La frequenza di trasmissione di SCP-2998 deve essere monitorata regolarmente in caso di cambiamenti nel contenuto di SCP-2998. Inoltre gli individui Rosetta-positivi devono essere esposti a SCP-2998 per almeno dodici ore ogni giorno, per poi essere interrogati riguardo ai suoi contenuti ai fini di apprendere di più su SCP-2998 e la specie responsabile della sua creazione. Tutte le sonde e i veicoli di origine extraterrestre devono essere modificati in modo da includere equipaggiamento adatto a monitorare la presenza di SCP-2998 all’infuori del pianeta. Le ricerche atte a determinare ulteriori informazioni riguardo l’origine di SCP-2998 e un ulteriore background del suo contenuto devono essere portate avanti con priorità di Classe 2.

Descrizione: SCP-2998 è un segnale elettromagnetico con frequenza costante di 2485 MHz. Il suo potere e origine non possono essere determinati; il segnale sembra presentarsi invariabilmente in ogni luogo in tutto il sistema solare conosciuto. Il segnale non sembra avere origine da un singolo punto; infatti, le attuali analisi suggeriscono piuttosto che SCP-2998 sia trasmesso con una potenza pari a 1.86Mw, che combinata alla dimensione elevata dell’area coperta da SCP-2998 suggerisce che il segnale stia venendo trasmesso in una modalità che trascende lo spazio a quattro dimensioni, emergendo quindi nello spazio convenzionale con un motivo a griglia tridimensionale, con i propri punti di trasmissione a tre metri di distanza l'un l'altro. In quanto è stato provato che il segnale sembri essere ricevibile in qualsiasi punto, sia sulla Terra che fuori, ad oggi si crede che SCP-2998 sia trasmesso simultaneamente in tutto l'universo.

Inizialmente, si credeva che il segnale fosse un tipo di rumore bianco anomalo ma innocuo presente a quella frequenza; variazioni minori suggerivano la presenza di alcune informazioni contenute nel segnale, ma i mezzi per decodificarlo non sono stati sviluppati fino al 2011, e altri ancora più completi sono stati sviluppati da allora.

Fu scoperto che il segnale contenesse una trasmissione video digitale con traccia monofonica. Nel video è presente un’entità umanoide di specie sconosciuta, vista fluttuare in una stanza buia; sebbene non sia presente alcun contesto per l’immagine, il linguaggio del corpo e i suoni acuti emessi dall’entità sembrano suggerire il suo trovarsi in condizioni di estremo stress fisico. Il video non mostra alcuna altra entità e non è stata registrata alcuna fonte esterna che possa recare danno all’entità stessa. Ad ogni modo, alcune caratteristiche dell’immagine suggeriscono che siano in corso alcune specie di fenomeni telecinetici fuori dalla norma; l’entità spesso sembra venire spostata o spinta, e brevi inquadrature di oggetti sullo sfondo suggeriscono la presenza di un campo gravitazionale, implicando che la posizione a mezz’aria dell’entità non sia dovuta a una condizione di gravità zero e che l’entità stessa sia tenuta in posizione da una forza sconosciuta.

Oltre le traccie audio e video, è presente un'ulteriore componente del segnale, percepibile solo da degli individui con un fascio di nervi anomalo che connette le aree Brodmann 41 e 42 dell'amigdala dorsale nel lobo temporale del cervello. Gli individui con tale fascio di nervi riportano di sentire un insolito suono ad alta frequenza in parallelo all'audio monotraccia di SCP-2998, per poi cominciare a soffrire di una forma di epilessia al lobo temporale mesiale, caratterizzata da delle complesse convulsioni parziali. Durante queste convulsioni, gli individui aspetti cominceranno a parlare in una forma di glossolalia, parlando quasi costantemente senza alcun significato apparente. Le convulsioni continueranno per tanto tempo quanto l'individuo è stato esposto alla traccia audio di SCP-2998; la glossolalia si svilupperà, con il tempo, in messaggi sempre più definiti e comprensibili. Il fascio di nervi è stato denominato "il cluster Rosetta" dalla divisione medica della Fondazione, data la capacità degli individui che lo posseggono di "tradurre" le componenti altrimenti indecifrabili del segnale. Ambo gli individui finora osservati aventi il cluster Rosetta hanno conservato alcune memorie delle loro esperienze.

Addendum 2998-A: Rapporti del personale Rosetta-positivo in seguito ad un'esposizione iniziale a SCP-2998.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License