SCP-299
voto: 0+x

Elemento #: SCP-299

Classe dell'Oggetto: Keter

Procedure Speciali di Contenimento: Una foresta di SCP-299 ampia 200 metri dev'essere contenuta in una bio-cupola sotterranea (Area-299) nel deserto [DATI CANCELLATI]. Qualsiasi ulteriore esemplare incontrato in natura deve essere incenerito. Nessuna forma di vita vegetale deve venire in contatto con SCP-299 eccetto che in test controllati. Le aree infestate da SCP-299 devono essere considerate zone di rischio di classe-8, bombardate immediatamente con armi incendiarie e monitorate per quattro (4) settimane. Qualunque infestazione ulteriore deve essere incenerita, così come ogni forma di vita selvatica presente in loco.

Descrizione: SCP-299 è un organismo arboriforme caratterizzato da rami neri e appuntiti. Un'analisi più attenta rivela che ogni istanza di SCP-299 è connessa agli alberi vicini con le proprie radici. Il contatto prolungato trasforma tali piante in altre istanze di SCP-299; questo è l'unico metodo riproduttivo conosciuto ad oggi di SCP-299.

Addendum 299-1 L'infezione da SCP-299 è causata dal contatto prolungato con qualunque materiale proveniente da SCP-299.

Il tempo di conversione varia a seconda delle dimensioni dell'organismo infettato. In genere, dopo pochi minuti di esposizione, la pianta infetta inizia a perdere le foglie. I rami bassi si spostano dai 30 ai 100 centimetri verso il basso e si assottigliano fino a formare una punta. I rami alti mantengono le foglie e migrano verso la cima dell'albero, formando una volta densa e rendendo impossibile l'identificazione dall'alto.

Addendum 299-2: L'analisi microscopica dei rami bassi rivela che le punte sono composte dello stesso materiale del resto della pianta infetta, e che sono notevolmente affilati. Il contatto diretto con la punta di un ramo di SCP-299 è sconsigliato, in quanto anche una minima scheggia del materiale di SCP-299 nella pelle può avere risultati disastrosi (vedere il Log dei Test 299-1).

Viticci simili a rampicanti crescono verso l'alto dalle radici di SCP-299, raggiungendo un'altezza fino ai due (2) metri. Questi viticci sono prensili ed elastici; gli oggetti organici entranti nelle vicinanze degli ultimi vengono afferrati violentemente, impalati sui rami più bassi e incorporati nell'organismo attraverso una conversione graduale a livello molecolare.

Gli esemplari di SCP-299 rilasciano sostanze chimiche capaci di diffondersi nell'area circostante e di causare paranoia e aggressività nella maggior parte degli animali, umani inclusi. Sotto la loro influenza, i gruppi di persone tendono a dividersi e a girovagare da soli nella foresta, aumentando la possibilità che passino in un'area infestata.

Addendum 299-3: Lo studio di materiali raccolti da SCP-299 rivela che il 'legno' è fragile e simile al [DATI CANCELLATI] in composizione. Una singola cellula di SCP-299 mantiene la sua natura infettiva ed è capace di riconfigurare un intero organismo dopo l'introduzione.


Log dei Test-299-1

Oggetto: Piantina di acero (Acer saccharum) (x1)
Ricercatore: Dr. ██████
Risultati:
Un campione di materiale da SCP-299 è introdotto all'alberello. In quarantacinque (45) minuti, l'alberello è completamente convertito in un esemplare di SCP-299, mantenendo la sua altezza e approssimativamente le sue dimensioni. Soggetto incenerito.

Oggetto: Albero di quercia (Quercus alba) (x1)
Ricercatore: Dr. ██████
Risultati:
Albero di quercia trasportato nell'area di contenimento di SCP-299. In tre (3) ore, l'albero è completamente convertito in un esemplare di SCP-299, mantenendo la propria altezza e approssimativamente le stesse dimensioni. Il materiale prelevato dal nuovo esemplare è consistente con quello proveniente da esemplari vicini.

Oggetto: Girasole (Helianthus annuus) (x1)
Ricercatore: Dr. ██████
Risultati:
Un campione di materia di SCP-299 è introdotto al girasole. Nell'arco di dieci (10) minuti, la pianta è completamente convertita in un esemplare di SCP-299, mantenendo la sua altezza e le sue dimensioni. I petali sono diventati neri e appuntiti, in maniera consistente ai rami a punta di SCP-299. I viticci sono fragili e incapaci di afferrare grossi oggetti. Il tronco dell'esemplare si è spezzato quando calciato dal ricercatore. Resti inceneriti.

Oggetto: Vite europea (Vitis vinifera), confinata in un vaso e cresciuta verso l'alto su un traliccio (x1)
Ricercatore: Dr. ██████
Risultati:
Campione di materia da SCP-299 introdotto alla vite. Il soggetto è convertito in trenta (30) minuti. Il soggetto si è staccato dal traliccio ed ha adottato la natura prensile dei viticci di SCP-299. Una punta è emersa dall'area delle radici.

Oggetto: Risultato dell'esperimento precedente, maiale (Sus domestica) (x1)
Ricercatore: Dr. ██████
Risultati:
Maiale introdotto nell'area dei test. Il soggetto mostra segni di agitazione. Durante l'indagine di SCP-299, il soggetto viene violentemente afferrato e stritolato, soffocando prima di essere impalato su una punta. L'esemplare è stato lasciato nel contenimento e osservato per 3 giorni. In quel lasso di tempo, la massa del maiale e quello dei viticci sono stati integrati nella vite principale. Dalla sua base sono cresciute delle punte, le radici si sono estese e dei rami sono cresciuti dalla cima dell'albero, con comparsa di germogli e foglie. Esemplare incenerito.

Note:
SCP-299 sembra non essere limitato agli alberi. Le piante infette sembrano reagire in modo leggermente diverso, a seconda della loro particolare biologia. In ogni caso, tutti gli esemplari diventano eventualmente 'alberi' di SCP-299 se gli viene dato il tempo di crescere e cambiare forma.

Oggetto: Venere pigliamosche (Dionaea muscipula) (x1)
Ricercatore: Dr. ██████
Risultati: [DATI CANCELLATI]

Addendum 299-4
Il Comando O5 ha richiesto che i ricercatori non eseguano esperimenti con piante carnivore.

Oggetto: Maiale (Sus domestica) (x1)
Ricercatore: Dr. ██████
Risultati:
Materiale da SCP-299 iniettato nel maiale. Il maiale ha iniziato a strillare e a muoversi senza controllo, finché non è caduto al suolo e ha avuto delle convulsioni. Al momento del decesso, sottili peli simili a radici sono stati visti crescere dall'addome del maiale; la carne del maiale si trasformò nel materiale di SCP-299 a partire dal punto di iniezione. Dopo due (2) ore, il maiale è divenuto un'altra istanza di SCP-299, completo di viticci e foglie. Soggetto incenerito.


Addendum 299-5: Dal ██/██/20██, gli alberi dell'Area-219 hanno iniziato a deviare dalla forma standard di SCP-299, con diverse formazioni che sembrano fiori bianchi fino a due (2) metri dal livello del suolo. Seguendo il protocollo standard, del personale di Classe D è stato mandato all'interno per valutare se la nuova mutazione fosse pericolosa. Nel momento in cui si sono avvicinati ai fiori, i petali si aprirono in viticci estremamente mobili che afferrarono immediatamente la testa di uno dei Classe D prima di tirarlo verso l'albero. Tutto il personale è stato immediatamente rimosso dall'area e messo in quarantena per 48 ore.
Il soggetto emerse dal limitare degli alberi circa cinque (5) ore dopo essere stato afferrato, apparentemente illeso. Il soggetto venne messo in quarantena per 48 ore separatamente, in accordo col protocollo. Il soggetto protestò contro la quarantena, affermando che doveva "vedere il sole". Dieci (10) ore dopo l'inizio della quarantena, il soggetto ha perso spontaneamente conoscenza e diversi rami di SCP-299 hanno iniziato a crescere dalla testa e dal torso del soggetto. Soggetto eliminato e incenerito assieme alle escrescenze emerse. Cambiamenti al protocollo di contenimento in risposta a questi sviluppi sono in corso di revisione.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License