SCP-287
voto: 0+x
287sword

SCP-287

Elemento #: SCP-287

Classe dell'Oggetto: Safe

Procedure Speciali di Contenimento: SCP-287 è conservato nel Sito-22, in un armadietto a temperatura controllata allo scopo di prevenire ulteriore deterioramento. Al momento non sono richiesti esperimenti aggiuntivi, ma possono essere approvati dal Dr. Sigurd Ólafsson. Qualunque fonte di elettricità deve essere tenuta in ogni momento lontana dall'armadietto che contiene SCP-287.

Qualora sia necessario eseguire esperimenti su SCP-287, è necessario indossare guanti isolanti per evitare scariche accidentali sull'elsa.

I resti di SCP-287-1 devono essere mantenuti in deposito fino a nuovo ordine. Richieste per ricerche su SCP-287-1 possono essere rivolte al Dr. Zartion e sono limitate al personale di livello 4 o a personale di livello 2 appartenente al dipartimento di esobiologia.

Descrizione: SCP-287 è una spada vichinga da combattimento che misura 78 cm dall'impugnatura alla punta e che pesa 1077 g. SCP-287 si trova in uno stato di avanzato deterioramento a causa dell'esposizione agli elementi esterni per un periodo compreso tra 900 e 1100 anni. SCP-287 è stato trovato a ██████, Islanda, insieme a diverso materiale scritto (si veda il Resoconto del Ritrovamento).

SCP-287 è composto principalmente di ferro, con diversi elementi potenzialmente anomali incorporati nella sua struttura. Alcuni di questi materiali sono stati rilevati da sonde della Fondazione in viaggio nelle regioni extra-solari della nostra galassia, oltre che da sensori che [REDATTO].

La datazione al carbonio ha posto l'epoca di creazione di SCP-287 intorno ai primi anni del decimo secolo e.v. I campioni di metalli e materiali esoplanetari si sono dimostrati più difficili da datare, e le analisi sono ancora in corso.

rsz_256px-codexrunicus.jpg

Un esempio dei materiali trovati insieme a SCP-287

Gli effetti anomali di SCP-287 possono essere osservati quando una corrente elettrica è applicata sulle porzioni metalliche dell'impugnatura, rimaste esposte appena al di sotto della guardia. Questi elementi esposti sono in uno stato decisamente migliore rispetto alle parti in ferro di SCP-287.

A seguito dell'applicazione di corrente elettrica, i componenti interni di SCP-287 cominciano a emettere radiazioni elettromagnetiche a diverse frequenze e alcuni suoni invariabilmente descritti come “angoscianti” dallo staff di ricerca e dai soggetti degli esperimenti.

La radiazione prodotta da SCP-287 provoca acute allucinazioni audio-visive e pesanti mal di testa a tutti gli esseri umani esposti. Nello specifico, le allucinazioni provocate da SCP-287 assumono la forma di figure umanoidi semitrasparenti che si manifestano nelle vicinanze di SCP-287 vestiti come membri di un corpo militare in armi.

Gli armamenti e l'armatura delle allucinazioni causate da SCP-287 variano da soggetto a soggetto, ma tendono generalmente a rispecchiare la percezione dell'individuo rispetto a ciò che considerano armamenti moderni. Esperimenti con animali, campi elettromagnetici e suoni non anomali della precisa frequenza di quelli originali non hanno prodotto effetti comparabili in qualunque combinazione possibile.

Correnti elettriche ad amperaggio più alto hanno aumentato l'effetto fino a un massimo di 437 allucinazioni individuali (si veda il Documento R27-287 per amperaggi e conteggi specifici). Ulteriori esperimenti sono stati considerati non necessari.

SCP-287-1 è considerato essere un elemento extraterrestre, trovato nel medesimo luogo di SCP-287. L'origine esatta di SCP-287-1 è sconosciuta al momento. Un resoconto completo su SCP-287-1 è disponibile nel Documento R27-287-1 (si veda l'Addendum B per un resoconto parziale).

La potenziale astronave di SCP-287-1 (designata SCP-287-2, si veda l'Addendum B per un resoconto parziale) appare essere stata completamente distrutta. L'attuale ipotesi di lavoro per ciò che concerne SCP-287-2 è che si tratti di una qualche forma di navicella di salvataggio di un'astronave più grande.


Ritrovamento: SCP-287 è stato recuperato in un tumulo fuori ██████, Islanda, il ██-01-20██. (Si veda l'Addendum A per i dettagli).

I resti trovati nella tomba sono stati dimostrati essere non umani. La Fondazione ha messo sotto custodia SCP-287 e i resti sono stati designati SCP-287-1.
I resti di SCP-287-1 sono scheletrici e umanoidi, in quanto presentano caratteristiche significativamente differenti rispetto alla struttura scheletrica umana. Nella tomba sono state rinvenute diverse fonti scritte, poi acquisite dalla Fondazione. Al Dr. Sigurd Ólafsson è stato richiesto aiuto nella traduzione dello scritto, che è riportata di seguito (si veda l'Addendum A).


Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License