SCP-269
voto: 0+x
scp269.jpg

SCP-269 in stato inattivo.

Elemento #: SCP-269

Classe dell'Oggetto: Safe

Procedure Speciali di Contenimento: SCP-269 deve essere conservato in un armadietto di sicurezza standard per oggetti di Classe Safe al Sito 19. Tutti gli esperimenti che coinvolgono SCP-269 possono essere svolti esclusivamente da membri del personale di Classe D, e solo previo consenso da almeno due (2) Ricercatori Anziani di Livello 3.

Descrizione: SCP-269 è un braccialetto senza segni distintivi, composto di giada rossa e dal diametro approssimativo di 11 cm durante il suo stato inattivo. SCP-269 ha mostrato una resistenza insolita, in quanto tutti i tentativi di ottenere un campione dell'oggetto sono ad oggi falliti; inoltre, la temperatura dell'oggetto e costantemente di 36°C, indipendentemente dalla temperatura dell'area circostante.

Quando posto sul polso o sulla caviglia di un soggetto umano in vita, SCP-269 si contrae in modo da calzare fermamente ma comodamente sull'estremità. Nell'arco delle successive 24 ore, SCP-269 estende dei viticci che si integrano nel sistema circolatorio dell'ospite tramite le arterie dell'ulna e del radio, un processo descritto dai soggetti stessi come indolore, sebbene leggermente inquietante. Al completamento del processo, SCP-269 non può essere più rimosso dall'ospite senza l'amputazione dell'arto interessato.

Una volta che SCP-269 è completamente integrato, comincerà a filtrare alcune sostanze dal flusso sanguigno dell'ospite. Come questo processo avvenga non è ancora noto, ma esso avviene in tre stadi:

  • Durante il primo stadio, SCP-269 comincerà a filtrare agenti contaminanti o infettivi, come ad esempio dei virus dei batteri presenti nel sangue. Ciò include diversi agenti infettivi al momento incurabili, quale il virus di immunodeficienza umano (HIV); SCP-269 sembra inoltre in grado di identificare ed isolare dei globuli rossi infetti da quelli sani. In quanto questo processo risulta generalmente nel miglioramento del generale stato di salute dell'ospite, esso potrebbe resistere eventuali tentativi di rimozione di SCP-269. Questo stadio può durare un qualsiasi lasso di tempo da una settimana ad un mese.
  • Durante la seconda fase, SCP-269 comincerà a filtrare delle componenti del sistema immunitario del soggetto dal flusso sanguigno. In quanto SCP-269 continua anche a filtrare ogni agente infettivo, questo processo passa generalmente senza essere notato, a meno che non vengano eseguite delle analisi del sangue. Questa fase dura da uno a sei mesi.
  • Durante la fase finale, SCP-269 comincerà a filtrare dei componenti vitali dal sangue, quali i globuli rossi e piastrine, causando quindi dei sintomi acuti di anemia e piastrinopenia. Un ospite che raggiunge il Terzo Stadio si indebolisce velocemente, e spirerà inevitabilmente, a meno che non vengano eseguite enormi trasfusioni sanguigne.

SCP-269 venne all'attenzione della Fondazione in seguito a dei rapporti di un civile (certo Mr. ████ ████████ da [REDATTO]), apparentemente curato dalla propria sindrome d'immunodeficienza acquisita (AIDS), per poi morire poco dopo. SCP-269 fu trovato sul polso di Mr. ████████, e messo in sicurezza da degli agenti della Fondazione quando fu scoperto che l'oggetto si fosse integrato nel sistema circolatorio del soggetto. Sono in corso indagini sulla precisa origine e funzionalità di SCP-269.


Fonte ufficiale: SCP-269

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License