SCP-267
voto: 0+x
molerat3sp.jpg

SCP-267, una sottospecie del Heterocephalus glaber (talpa senza pelo). Nella foto è presente un'allevatrice gravida assieme ai dei assistenti del nido.

Elemento #: SCP-267

Classe dell'Oggetto: Euclid

Procedure Speciali di Contenimento: SCP-267 è contenuto in una formazione di grotte all'interno del Sito-37. Gli animali vivi devono essere riforniti per sostituire quelli che soccombono durante il corso dell'alimentazione. Un allevamento di bestiame viene mantenuto sul posto per questo scopo. Tutto il personale che interagisce con gli organismi di SCP-267 deve essere dotato di un dispositivo di isolamento di livello 4, un'arma con munizioni tranquillanti e una bastone stordente per la propria protezione.

Le istanze selvagge di SCP-267 devono essere eliminate non appena vengono rilevate. Le vittime umane recuperate non possono essere riabilitate, ma devono essere rimosse per essere utilizzate nell'osservazione continua di possibili effetti anti-senescenza delle escrezioni velenose di SCP-267.

Descrizione: SCP-267 sono roditori glabri, ciechi, carnivori e altamente adattati alla vita sotterranea in colonie eusociali. Una singola tana è attualmente contenuta nelle formazioni di grotte ███████████ in █████████, █████████. SCP-267 è biologicamente simile al Heterocephalus glaber, ma rappresenta una sottospecie distinta.

I membri di una colonia di SCP-267 trascorrono la maggior parte della loro vita sottoterra. Sono caratterizzati dalla completa mancanza degli occhi, e i sensi del tatto e dell'udito sono atrofizzati. Essi non sembrano provare dolore o alcun senso di autoconservazione. Sono estremamente sensibili all'olfatto e agli stimoli chimici aerosolizzati, che usano per la navigazione, la caccia e la comunicazione. A differenza degli artropodi eusociali, non c'è nessuna regina. Ci sono tuttavia divisioni di casta nella sua popolazione, inclusi lavoratori, soldati, allevatori e assistenti del nido.

SCP-267 ha denti e artigli affilati, ma il meccanismo di autodifesa più usato è il veleno. Esso è efficace in quantità di pochi μL e ha effetti paralizzanti e cancerogeni aggressivi. In una caccia, dozzine di soldati cooperano per localizzare e abbattere la preda. Attaccano simultaneamente, infliggendo decine di morsi in pochi secondi, neutralizzando il bersaglio. Successivamente lo trascinano, mentre è ancora cosciente ma incapace di muoversi, nella loro colonia.

Una volta alla colonia, un grande gruppo di SCP-267, denominati "operai", emerge per trasportare la vittima all'interno. Gli operai rimuovono gli odori estranei, controllano attentamente un'eventuale presenza di parassiti e smembrano fisicamente i mezzi di locomozione della preda per prevenirne la fuga. A questo punto, i tessuti direttamente esposti al veleno hanno iniziato a mostrare una divisione cellulare anormale. Entro 24 ore, masse di tessuto indifferenziate sono visibili in ogni punto del morso. I tumori insorgono spontaneamente, ma sembrano colpire la pelle e i tessuti grassi, poiché le crescite hanno meno probabilità di minacciare i sistemi di organi vitali. Ciò ha l'ulteriore vantaggio di SCP-267 di produrre un'alta concentrazione di lipidi ricchi di energia per il consumo. I tumori crescono continuamente fino a pochi giorni dopo la morte dell'animale preda.

A causa della rapida carcinogenesi, le prede di SCP-267 hanno enormi bisogni calorici. Gli operai masticano e rigurgitano la polpa delle radici per fornire alle prede il cibo. Essi sembrano distinguere i tumori dai tessuti sani dall'odore e rimuovono i tumori per il consumo una volta che sono "maturati" a una dimensione adeguata. Gli operai sono stati osservati mentre leccano e si prendono cura degli animali preda per mantenerli puliti e in salute. Gli animali preda durano tra le 12 settimane e i ██ anni, a seconda della specie, e forniscono tutto il cibo della colonia. Di solito trascorrono molti mesi tra gli attacchi di SCP-267 in superficie.

I membri di SCP-267 sono molto territoriali e rispondono con forza a qualsiasi intrusione nelle loro caverne. Con cibo sufficiente sono capaci di una riproduzione estremamente rapida, un fatto che è diventato particolarmente minaccioso dall'estinzione del loro predatore principale, ███████████████████.

Addendum 267-1: Ossa di esseri umani sono state scoperte in diverse aree di rifiuti all'interno delle grotte, risalenti a diverse migliaia di anni. A causa delle difficoltà nell'operare all'interno del nido, un'indagine forense completa su questi scarti non è possibile. Diciannove mesi dopo che il contenimento fu stabilito, la preda A-26 fu scoperta essere umana, forse █████████████, che scomparve insieme ai suoi genitori in un viaggio di famiglia nel 19██, all'età di █. La mancanza di arti, combinata con una crescita tumorale dilagante, è responsabile del ritardo nell'identificazione iniziale. I test genetici sono coerenti con il DNA umano con enormi mutazioni cancerose. Tentativi di interviste con il soggetto (SCP-267-A26) hanno scoperto solo che le sue facoltà linguistiche si sono atrofizzate nel corso della sua prigionia.

Addendum 267-2: SCP-267 mostra una marcata preferenza per l'acquisizione di esseri umani rispetto ad altri mammiferi. Questo è probabilmente il risultato della lunga vita degli esseri umani e del metabolismo veloce rispetto ad altre prede. I soggetti umani forniscono il 33% in più di materia cancerosa al mese rispetto a un maiale di dimensioni simili e possono essere tenuti come animali preda fino alla loro morte naturale1. Ciò conferma che gli organismi di SCP-267 abbiano iniziato a cacciare gli esseri umani molto tempo prima dell'intrusione nel loro habitat.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License