SCP-2399
voto: 0+x
redspot.gif

Timelapse fotografico del cammino di SCP-2399, dal ██/██/██ al ██/██/██.

Elemento #: SCP-2399

Classe dell'Oggetto: Keter

Procedure Speciali di Contenimento: A causa della natura e della posizione di SCP-2399, non è al momento attuabile alcun metodo di contenimento fisico. Gli agenti della Fondazione implementati nei principali osservatori devono contenere filmati o immagini correlati a SCP-2399. Al momento è in corso una campagna di disinformazione, che è stata finora in grado di sopprimere qualsiasi dato pertinente all'esistenza di SCP-2399 dalla consapevolezza del pubblico.

I satelliti della Fondazione in orbita attorno a Giove devono tenere sotto controllo tutti i tentativi di SCP-2399 di rigenerazione e compiere gli sforzi necessari per impedire che tale processo nel caso SCP-2399 raggiunga un grado di completamento minimo pari al 75%. In aggiunta, un perimetro di satelliti di disturbo elettromagnetico a lungo raggio (Dispositivo BARRIER) è stato posizionato nell'orbita superiore gioviana. Qualunque trasmissione intercettata da tali dispositivi deve essere decifrata e registrata.

Nel caso in cui SCP-2399 superi il 75% di rigenerazione o di una fuga di informazioni dal perimetro contenitivo, il personale della Fondazione necessario dovrà avviare il Protocollo LEGIONARIO-5 (consultare Addendum 2399-L5), dato il suo completamento in quel momento.

Descrizione: SCP-2399 è una struttura meccanica molto complessa e di grandi dimensioni, situata al momento nella bassa atmosfera di Giove. Dalla sua scoperta visiva nel 1963, SCP-2399 è stato osservato usare armamenti altamente avanzati basati su tecnologia ad antimateria per creare anomalie spaziali e devastanti [DATI RIMOSSI] atmosferici, osservabili come un massiccio vortice rosso comunemente conosciuto come la Grande Macchia Rossa.

L’oggetto sembra essere danneggiato, probabilmente a causa di un impatto con la luna Io prima arrivare nella sua posizione corrente. SCP-2399 stato osservato rilasciare numerosi droni di riparazione ottopodi, nell'intento di riparare i danni subiti. Alcuni di questi droni rimarranno nelle vicinanze di SCP-2399, mentre altri perlustreranno le lune vicine o si immergeranno più a fondo nei gas di Giove, alla ricerca delle parti mancanti di SCP-2399 stesso. Alcune proiezioni computerizzate indicano che la rigenerazione strutturale è completa al 59% e procede con un tasso di 0.78% annuo. Questo andamento è incrementato, partendo da uno pari a 0.12% nel 1970.

Nonostante le sue condizioni, SCP-2399 sembra possedere una riserva di energia illimitata, un'avanzata schermatura di natura elettromagnetica, armi in grado di disintegrare la materia, la capacità di autoripararsi e un accurato sistema di localizzazione e bersagliamento (Consultare Addendum 2399-2b). A causa del grande divario tecnologico tra i creatori di SCP-2399 e la razza umana, esso è da considerarsi indistruttibile tramite mezzi convenzionali. Teoricamente, SCP-2399 potrebbe rivelarsi vulnerabile ad un impulso elettromagnetico abbastanza potente. Sfortunatamente, questo tipo di tecnologia non esiste ancora.

redspot2.png

SCP-2399 (cerchiato in rosso), come visibile dall'Unità BARRIER 21

Dal 1971, è stato il ricevente di un costante flusso di comunicazioni di tipo elettromagnetico, originatesi nella Galassia del Triangolo, situata a circa 3 milioni di anni luce dalla Terra. I mezzi responsabili del viaggio di SCP-2399 fino al nostro sistema solare e delle sue trasmissioni rimangono tuttora sconosciuti. Dal 1971 al 1985, SCP-2399 ha continuamente ricevuto un singolo messaggio codificato che, in seguito a diversi sforzi di decrittazione e traduzione, sembra essere un ordine di riparazione dei danni subiti durante la sua entrata nel sistema solare. Dopo tale rivelazione, lo schieramento BARRIER fu dispiegato per intercettare tali comunicazioni. Questo coincise con un periodo di silenzio radio da parte dell’origine delle trasmissioni, fino al 1996, quando un ordine differente cominciò ad essere trasmesso. Lo schieramento BARRIER cominciò quindi ad impedire che SCP-2399 ricevesse tali informazioni (Consultare Addendum 2399-Com-Log).


Appunti sulla Scoperta di SCP-2399:

Addendum 2399-2b:

Addendum 2399-2c: Progetto Gigas:

Addendum 2399-L5:

Addendum 2399-Comm-Log:


Fonte ufficiale: SCP-2399

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License