SCP-2082
voto: +2+x
medium-new.jpg

Strumentazione relativa a SCP-2082

Elemento #: SCP-2082

Classe dell'Oggetto: Neutralizzato

Procedure Speciali di Contenimento: Tutti i campioni di DNA conosciuti di SCP-2082 devono essere conservati nelle unità di contenimento biologico standard situate nel Sito-190. Devono essere distribuiti alle maggiori organizzazioni scientifiche che si ritiene posseggano dei resti di SCP-2082 dei campioni contraffatti che non presentano effetti anomali. Ogni tentativo di creare questa tecnologia al di fuori della Fondazione dovrà essere ostacolata da agenti infiltrati nella comunità scientifica. L'attrezzatura necessaria per creare un esemplare di SCP-2082 deve essere mantenuta disassemblata e conservata all'interno del Sito-77.

Descrizione: SCP-2082 è una sottospecie estinta dell'animale conosciuto come il mammut lanoso (Mammuthus primigenius). Quando era in vita, aveva un'altezza al garrese compresa tra 2,7 e 3,4 m e pesava circa 6 tonnellate. È estinto da circa 4.000 anni mentre la maggior parte dei membri della razza sono morti 10.000 anni fa.

L'osservazione dell'esemplare di SCP-2082 è stata limitata. Al momento, non è ancora stata fatta un'analisi approfondita sull'aspetto di SCP-2082 a causa dei suoi effetti distruttivi su ciò che lo circonda. Quando viene creato un esemplare di SCP-2082, si verifica un'immediata alterazione della temperatura circostante nel raggio di 250 metri dal suo corpo. Le temperature a terra scendono immediatamente a -10°C, il che in genere porta alla morte di qualsiasi soggetto all'interno del suo raggio di azione. Quando SCP-2082 si muove, l'effetto si sposta assieme a esso mentre continua a influenzare le aree in cui era stato presente in precedenza.

Una volta che l'effetto di SCP-2082 ricopre un'area maggiore di 20 metri quadrati, in questa zona trasuderanno grandi quantità di ghiaccio e nevischio da tutte le superfici solide, in maniera simile a SCP-649. In più, quattro minuti dopo che viene raggiunta questa soglia, il raggio dell'area di influenza di SCP-2082 aumenterà di un chilometro. Verranno prodotti continuamente neve e ghiaccio da SCP-2082 fino a che l'area influenzata non sembrerà essere colpita da una tormenta. SCP-2082 è immune alle conseguenze dirette del proprio effetto.

Lo sviluppo della tecnologia che ha portato alla creazione di SCP-2082 iniziò nel 1962, quando la Fondazione sviluppò la tecnica di clonazione per ricreare esemplari di SCP-2082 usando dei campioni di tessuto e altri resti conservati dal ghiaccio acquisiti da musei e da SCP-646, SCP-2683, e SCP-2706. Il progetto venne guidato e diretto dal Dr. Ascher e una piccola squadra di ricercatori nell'Area di Ricerca 908. Dall'ottobre del 1962 al giugno del 1983, hanno cercato di creare una replica di SCP-2082 usando degli strumenti tecnologici. I mezzi utilizzati per ricreare SCP-2082 non presentavano anomalie e lo scopo del progetto di ricerca intendeva fare luce sul processo di clonazione.

Al momento, sono state interrotte tutte le ricerche relative alla clonazione di esemplari di altre specie animali a causa della grande distruzione causata dall'Incidente 2082-Prime.

Addendum: File 2082-01: Documenti recuperati all'esterno del Sito-62-B riguardanti l'Incidente 2082-Prime. I documenti derivano da un backup automatico, dal momento che tutti i dati originali sono andati distrutti.

Nota finale sull'esperimento: 4 Luglio 1983. Autorizzato dal Ricercatore Stevens, dal Ricercatore Junior Boyd e supervisionato a distanza dall'Agente Fredericks.
Il test iniziale del dispositivo clonatore è risultato in un totale disastro. La struttura dei test è stata ridotta in ceneri ghiacciate e presumibilmente tutto il personale di ricerca principale è morto. È stato avviato il blocco di sicurezza del Sito ed è stato deciso dai superstiti della squadra di ricerca di attivare il dispositivo nucleare presente nel Sito, nel caso avvengano altri danni. È ragionevole pensare che sarà necessario.
L'entità che è emersa dalla stanza dei test sembra essere l'esemplare clonato, un cucciolo di Mammuthus primigenius. Subito dopo l'apertura delle porte della stanza, la temperatura è scesa a -10°C e ha continuato rapidamente a calare. Tutti i membri del personale di ricerca presenti nei laboratori, nei dormitori e nelle camere interne si suppone siano morti dopo che la temperatura è arrivata a -190°C all'interno della struttura.
Se questa nota verrà recuperata dal personale della Fondazione, tenete conto che l'entità non sembra avere nessuna caratteristica fisica degna di nota, oltre al fatto che è immune al proprio effetto. Un[DATI INTERROTTI]

In seguito alle operazioni di recupero e di ripulitura dell'Area di Ricerca 908, è stata ritrovata la carcassa di SCP-2082 a circa un chilometro dal sito. L'autopsia ha indicato che è morto per un aneurisma aortico, causato dalle imperfezioni nel processo di clonazione.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License