SCP-1860
voto: +4+x

Elemento #: SCP-1860

Classe dell'Oggetto: Euclid

Procedure Speciali di Contenimento: Per facilitare il lavoro al personale di sorveglianza, SCP-1860 deve essere contenuto in una cella di contenimento insonorizzata di grandezza standard per umanoidi. Un sistema di drenaggio deve essere presente all'interno della cella di contenimento di SCP allo scopo di transportare gli SCP-1860-1 per venire stoccati e smaltiti nel Settore 57. Al momento, non si ritiene necessario comunicare con SCP-1860 e tale azione deve essere ridotta al minimo fino a nuovo ordine.

DescrizioneSCP-1860 è un'entità umanoide emaciata. È alto 2,1 metri e pesa 31 chili. La testa di SCP-1860 è allungata in maniera anormale, e nonostante i suoi lineamenti umani, il suo corpo è privo di organi. SCP-1860 è racchiuso all'interno di un involucro di materiale sintetico che, nonostante sia simile al nylon/spandex nella struttura del tessuto, è composto da centinaia di fili di carta sottili e flessibili. Questo tessuto ha dimostrato di possedere una resistenza e un'elasticità maggiori rispetto alla comune carta. Ogni tentativo di identificare il tipo di legno usato per creare il materiale è stato inconcludente, con il campione più simile che si è rivelato essere di un albero del bosco intorno al castello di Hellbrunner. SCP-1860 resta sempre in ginocchio1, anche se non farà nulla per impedire di venire spostato o trasportato.

SCP-1860 rilascia costantemente un flusso di inchiostro nero a base d'acqua (SCP-1860-1). Esso fuoriesce da centinaia di orifizi microscopici situati sotto la vita. Vengono prodotti circa cinque litri di SCP-1860-1 in ventiquattro ore; quando non viene manipolato da SCP-1860, questo inchiostro non ha mostrato alcuna proprietà anomala e può essere utilizzato normalmente.

L'entità sembra essere in grado di manipolare telepaticamente SCP-1860-1 in varie forme. Generalmente esse comprendono notazioni musicali, tra cui note, chiavi di violino e alterazioni. SCP-1860 farà levitare questi simboli in aria a 0,6 metri dal suolo e li farà orbitare in senso orario attorno a sé. Le note musicali e i simboli creati sono direttamente correlati con il ritmo della parte vocale di SCP-1860 durante una performance.

SCP-1860 canta continuamente varie arie e ouverture di opere liriche e si fermerà per solo cinque secondi tra una selezione e un'altra. SCP-1860 è in grado di alterare la propria voce per farla corrispondere ai vari stili canori necessari per eseguire un brano (soprano, contralto, baritono e tenore). Nel caso in cui armonia e melodia si sovrappongano, canterà simultaneamente entrambi i ruoli, malgrado i presenti lo vedranno cantare solo la melodia. Se si rende necessario nell'opera che sta cantando, è capace anche di imitare una voce femminile o da adolescente. Non è stata scoperta alcuna relazione esistente riguardante la selezione della musica, dato che tutti i brani vengono scelti da vari paesi ed epoche.

SCP-1860 venne ritrovato sotto una baracca andata a fuoco nei pressi del luna park █████ ████████. Fu scoperto sussurrare tranquillamente con diversi esemplari minuscoli di SCP-1860-1. Le ricerche nell'area circostante hanno permesso il recupero di molti artefatti non anomali recanti una targhetta de "Il Circo Inquietante di Herman Fuller". Gli oggetti rinvenuti dalla struttura di SCP-1860 includono manifesti bruciati in cui vi è scritto della sua "mistica abilità canora, un rifugio per l'uomo sopraffatto". Gli agenti forensi hanno determinato che l'incendio è scoppiato cinque ore prima dell'arrivo degli uomini della Fondazione.

Quelle che seguono sono varie performance degne di nota di SCP-1860 mentre era contenuto. Vedere il Documento Ero-2M/1860 per i possibili riferimenti al Gruppo di Interesse Herman-Fuller nella scelta delle canzoni di SCP-1860.

Pezzo musicale Data dell’esecuzione Note aggiuntive
Il primo atto di Der Freischütz, del compositore tedesco Carl Maria von Weber. 18/06/199█ SCP-1860 esegue tutti i ruoli cantati. Durante le pause, SCP-1860 tiene lo sguardo sul pavimento.
Ho sognato che mi sono soffermato in saloni di marmo da La ragazza di Boemia di Michael William Balfe 04/07/199█ Mentre si trova nel contenimento, SCP-1860 mostra la sua abilità nell'imitare la voce di una donna.
Nessun dorma, un'aria dall'atto finale della Turandotdi Giacomo Puccini. 25/10/199█ Il dottor Reich applaude brevemente, in quello stesso momento SCP-1860 è stato visto inchinarsi in avanti in risposta, malgrado fosse isolato nel contenimento.

Incidente 1860-A: Il 10/08/199█, è apparso uno squarcio di quattordici centimetri nel materiale che avvolge SCP-1860. Venne emesso un suono collettivo di quelle che si ritennero essere centinaia di voci umane distinte che arrivò fino a centocinquantotto decibel. SCP-1860 fu poi visto piegarsi, coprire lo squarcio alla vista del personale e ripararlo in circa otto secondi. Due membri del personale soffrirono di perdita dell'udito, il che portò all'aggiunta di materiale fonoassorbente nella camera di contenimento. SCP-1860 venne registrato dire "Mi scuso per questo. Me lo sono meritato, ho reso sordi i miei unici ascoltatori." Quindi cominciò a cantare <i>Va, pensiero</i> di Giuseppe Verdi.

Nota aggiuntiva 1860-B: Una volta provato che SCP-1860 è in grado di rispondere a stimoli esterni, venne fatto un tentativo dal ricercatore di sorveglianza Dottor Montalvo per instaurare maggior comunicazione. SCP-1860 sembrò ignorare tutte le domande e continuò a cantare la seguente canzone:

Conservati fedele;
Pensa ch'io resto e peno,
E qualche volta almeno
Ricordati di me.

Ch'io per virtù canzone,
Parlando col mio core converserò con te.

La gente amava e sentiva,
la mia voce amorevole era necessaria,
come uno dei primi,
i segreti che ho sentito, che sanguinano.

Un giorno ti dirò de la mia
creazione e la vita con il circo
nato dal direttore del circo, la sua razza

Mio Fuller, così saggio
e il suo amico con la faccia all'ingiù
hanno imparato molto di più
più di quanto pensi.

Dopo un'indagine successiva, fu scoperto che SCP-1860 cantò una versione modificata di Conservati fedele, un'aria da concerto composta da Mozart. Tuttavia, non rispose a nessun'altra domanda postagli.

Incidente 1860-B: SCP-1860 smise di cantare alle █:██ di mattina del ██/██/200█, continuando a stare inginocchiato con lo sguardo basso. Non avendo mostrato alcuna intenzione di continuare a cantare, fu ordinato a D-███ di ispezionare SCP-1860 alla ricerca di qualsiasi cambiamento fisico o sviluppo di nuove capacità. Dopo essere entrato nella camera di contenimento, SCP-1860 iniziò a cantare il ritornello di Don't Forget Me della serie TV musical Smash. Vennero generati otto litri di SCP-1860-1 durante questa performance, principalmente dagli occhi di SCP-1860. SCP-1860 cambiò diverse volte la strofa "Don't forget me" e la sostituì con varianti di "He forgot me". Dopo di essa, non venne registrato nessun altro cambiamento nel suo comportamento.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License