SCP-179
voto: 0+x

Elemento #: SCP-179

Classe dell'Oggetto: Safe

Procedure Speciali di Contenimento: SCP-179 deve essere contenuto in una cella vuota, dipinta di bianco. Ci deve essere almeno un checkpoint di sicurezza tra l'unità di contenimento di SCP- 179 ed il resto del sito, con distanza non inferiore a trenta metri dalla porta di sicurezza e la guardia di turno responsabile dell'apertura della porta. Non deve essere nutrito tranne che nel corso di esperimenti approvati dal Direttore del Sito—██, o qualsiasi membro del Comando O5. In caso di violazione del contenimento, l'ala di contenimento di SCP-179 deve essere bloccata per un periodo di tempo non inferiore a 48 ore prima dell'arrivo della squadra di ricontenimento.

Descrizione: SCP-179 è un'entità umanoide inferiore, dotata di braccia e gambe multi-articolate eccezionalmente lunghe, pesanti all'incirca 22 kg (48 lbs) a digiuno. SCP-179 rimarrà in posizione fetale sul fianco (tipicamente dopo essersi mimetizzato, se possibile, prima di diventare inerte) in attesa di interazioni con esseri umani. Quando un individuo raggiunge approssimativamente i venti metri di distanza dall'oggetto, esso diverrà affetto da una forma di apatia paralizzante, manifestata inizialmente come abulia. A questo punto, SCP-179 comincerà a muoversi, strisciando carponi nella direzione del soggetto a meno che non ci siano minacce visibili. Man mano che SCP-179 si avvicina al soggetto, l'impossibilità di rispondere agli stimoli progredirà in mutismo acinetico, portando il soggetto ad ignorare SCP-179 mentre l'entità comincia ad arrampicarsi sul suo corpo, tipicamente trovando un appiglio sulla testa o sulla spalla del soggetto a cui aggrapparsi fino al termine del processo nutritivo.

I ricercatori non hanno ancora determinato l'esatto processo per mezzo del quale SCP-179 si nutre, ma apparentemente il "nutrimento" consiste nella perdita da parte del soggetto di ogni capacità di motivazione neurologica, eventualmente conclusasi nella morte poichè la vita del subconscio supporta meccanismi come il battito del cuore. Dopo la morte del soggetto iniziale, SCP-179 perderà interesse nel corpo e comincerà istantaneamente la ricerca per un altro soggetto per mezzo del quale nutrirsi.
Il nutrirsi causa un notevole rigonfiamento dell'addome di SCP-179, una proprietà che tuttavia non lo scoraggia dalla sua costante ricerca di "sostegno" nè gli impedisce i movimenti. Le correnti ipotesi suggeriscono che le estremità di SCP-179 siano allungate specificamente per favorire il movimento post-nutrimento, poichè SCP-179 non smetterà mai di nutrirsi se a disposizione di soggetti illimitati. (Nota: La ricerca corrente indica questo dopo avergli dato 15 uomini del personale di classe D-nessuna idea di cosa potrebbe fare in un centro popolato. -Dr. Berry) SCP-179 usa il suo nutrimento per provvedere alle proprie tecniche di caccia, e data la mancanza di prede finirà per stabilirsi nel suo stato inerte, cercando di mimetizzarsi, se possibile, prima di diventare totalmente inabile. Un soggetto medio provvede a circa 35 minuti di mobilità per SCP-179, e soggetti addizionali sembrano contribuire con un tasso decrescente. (Vedi [DATI CANCELLATI] per un grafico dei modelli di alimentazione e stime temporali di SCP-179)

Nel caso che SCP-179 non sia in grado di ingaggiare direttamente la preda a causa di minacce addizionale, esso rimarrà inerte. La prossimità al solo SCP-179 sembra essere sufficiente per portarlo a nutrirsi, e se il soggetto rimane nelle sue vicinanze per una durata sufficiente, l'addome di SCP-179 si gonfierà ed il soggetto morirà come se SCP-179 avesse avuto un contatto fisico con esso. La durata necessaria ad SCP-179 per nutrirsi pare direttamente correlata alla distanza tra il soggetto ed SCP-179 stesso, che spiega la sua tendenza ad avvicinarsi fino al diretto contatto quando possibile.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License