SCP-166
voto: 0+x

Elemento #: SCP-166

Classe dell'Oggetto: Euclid

Procedure Speciali di Contenimento: SCP-166 può essere tenuto in un ambiente di sicurezza minima. Dal ██-██-████, SCP-166 alloggia in una suite standard di Classe B nel Sito-17, con le seguenti modifiche:

  • La suite adiacente è stata ristrutturata come area di osservazione locale.
  • Dei pannelli in acrilico traslucido che interrompono la visuale sono stati collocati nel corridoio vicino assieme ad un allestimento scenico della zona per impedire il diretto contatto visivo con la suite di contenimento dal corridoio esterno.
  • Cartelli e segnali di avvertimento sono stati collocati in tutta l'area di contenimento ed indicano che nessun membro del personale di sesso maschile è ammesso nella zona.

Qualunque richiesta di oggetti personali e modifiche alla suite di contenimento può essere concessa solo in seguito all'approvazione di un'autorità di livello 4 o superiore. Fino ad oggi, SCP-166 ha richiesto:

  • Una copia della Sacra Bibbia, la versione di Re Giacomo, con gli apocrifi allegati (concesso).
  • Un rosario Cattolico (concesso).
  • La disponibilità di un prete Cattolico per la confessione, la messa, e gli altri sacramenti (negato).
  • Vari libri e riviste, per lo più di natura religiosa (concesso, ma con obbligo di revisione e approvazione dei contenuti).
  • Un telefono con cui contattare la badessa del ████████ ██ ████████ ██████████ Convento in Cornovaglia, Inghilterra (concesso: SCP-166 ha il permesso di telefonare per 1 ora di tempo alla settimana solo a questo numero di telefono).

Solitamente SCP-166 è confinata nel suo alloggio, fino a quando è provvista di materiale religioso in forma cartacea, artistica e televisiva. In cambio della sua cooperazione nel contenimento, ad SCP-166 è permessa un'escursione di 12 ore lontano dal Sito-17 in un'isola disabitata vicina non più di una volta al mese. Il Report a Rilascio Limitato 19-A dev'essere osservato in questo caso, con la restrizione aggiunta che ogni membro del personale di sesso maschile deve trovarsi entro 500 m di distanza da SCP-166 durante il trasporto, e che a nessun membro del personale di sesso maschile è autorizzato l'ingresso sull'isola durante il suo soggiorno.

Siccome anche l'abbigliamento più leggero tende a causargli ulcere da pressione (piaghe da decubito) entro 45 minuti di uso costante, ad SCP-166 è permesso di circolare nudo per scopi medici. Gli indumenti e la biancheria da letto devono essere di cotone a fibra lunga, e dovrebbero essere cambiati ogni settimana.

Al personale maschile è vietato guardare o avvicinarsi a SCP-166. La violazione di tale ordine comporterà l'immediata revisione disciplinare e il possibile licenziamento. Almeno un membro femminile del personale deve rimanere nella stanza d'osservazione adiacente a tutte le ore, e deve mantenere la diretta osservazione visiva di SCP-166 attraverso le fessure adibite o la televisione a circuito chiuso. Al fine di minimizzare il rischio di esposizione accidentale, tutte le videocamere e le finestre devono essere dotate di filtri traslucidi con almeno il 50% d'esclusione dei dettagli. SCP-166 non deve comparire in nessuna registrazione, ed esse non devono contenere qualsivoglia tipo di prova fotografica della sua presenza.

SCP-166 non richiede alcun tipo di sostentamento tranne approssimativamente 1 centimetro cubo (1 millilitro) di liquido seminale umano, somministrato per via orale una volta alla settimana. Sono stati presi degli accordi con una banca del seme locale per tale scopo. Approvvigionamenti in loco verranno eseguite solo in caso di emergenza. Nonostante il fatto che SCP-166 non richieda altro sostentamento, il soggetto può consumare del normale cibo umano, ma può anche non farlo.

A causa dei svariati problemi di salute di SCP-166, delle valutazioni mediche devono essere effettuate almeno una volta a settimana.


Descrizione: SCP-166 sembra essere una femmina umana nella sua tarda adolescenza, di altezza media e corporatura esile. Analisi mediche e fisiologiche indicano diversi scostamenti dai modelli umani di base, tra cui la crescita accelerata dei capelli (circa 20 centimetri al mese), vulnerabilità alle particelle presenti nell'aria, come il fumo di sigaretta e l'aerosol (che possono indurre sintomi simili ad un attacco acuto di asma), aumento della sensibilità all'ulcere da pressione, e alterazioni delle esigenze alimentari.

SCP-166 è noto per il suo insolito effetto esercitato sui maschi. Dopo aver stabilito un contatto visivo con SCP-166, il 100% dei maschi umani testati tentarono un contatto sessuale immediato, indipendentemente dal loro orientamento sessuale. In circa il 70% dei soggetti in prova, l'impulso svanì dopo essere stati estraniati dalla presenza di SCP-166. Nel 30% dei casi, tuttavia, il desiderio si era trasformato in ossessione, provocando dei violenti tentativi di appropriamento di SCP-166. Amnestici di Classe-A furono efficaci nel 43% dei casi: i restanti necessitarono un licenziamento.

L'effetto di SCP-166 le induce una non trascurabile angoscia, e non a caso ciò le provoca il desiderio di seguire una vita monastica basata sui principi di castità, povertà e obbedienza. Per questo e altri motivi, il contatto tra lei e qualsiasi maschio umano è strettamente proibito.


Addendum 166-A - Circostanze di Recupero: SCP-166 fu inizialmente recuperata da un convento in Cornovaglia, in Inghilterra, il ██-██-████. Secondo le suore, fu originariamente consegnata al convento da una "persona dalle caratteristiche indistinguibili" che sosteneva che era il frutto di "un'antica creatura di grande potenza", e che fornì loro le istruzioni per come prendersene cura. Tutti i tentativi di individuare la madre non hanno riscontrato successo.

SCP-166 fu cresciuta dalle suore del convento fino a quando un giovane uomo (Soggetto A) che si nascose dentro al convento nel tentativo di visitare una delle novizie fu accidentalmente visto da lei. Tre giorni dopo, il Soggetto A diventò violento e attaccò il convento, tentando di appropriarsi di SCP-166. Il Soggetto A uccise una suora e ferì gravemente altre tre persone prima di essere neutralizzato con la forza.

Un Agente della Fondazione venne a conoscenza dell'incidente durante un interrogatorio con un sacerdote locale e si recò sul luogo. Quando anch'egli si innamorò, taglio immediatamente i contatti, si mise in confinamento e richiese un'Agente di sesso femminile al Comando per prendere in consegna le operazioni di recupero.


Addendum 166-E - Contenuto di una lettera, origine sconosciuta, ritrovata nella suite di SCP-166 il ██-██-████:

Cara ████,

Ho incontrato tua madre quando era ancora una bambina. Aveva gli zoccoli al posto dei piedi e la luce delle stelle nei suoi occhi. Era una meraviglia della natura, e io l'ho uccisa con le mie stesse mani.

L'Eden non è un luogo. È uno stato d'animo. Volevano portarci nuovamente in esso. Io li ho fermati. Ho mantenuto il paradiso lontano da noi per una seconda volta. Non ho mai rimpianto le mie azioni di quel giorno, tranne una: quando mi hai incontrato per la prima volta, hai visto tuo padre piantare una pallottola nella testa di tua madre. Non ti faccio le mie scuse, ti sto solo dando delle spiegazioni. Spero che tu capisca il perché di quello che ho fatto. Spero che tu mi possa perdonare.

Ti voglio bene. Vorrei poter fare di più per te. Il meglio che potessi fare era lasciarti nelle mani di persone gentili e amorevoli che spero ti abbiano cresciuto bene al mio posto. Da quello che ho visto, ci sono riusciti. Mi dispiace che tu non possa stare con loro. Mi dispiace per averti portato in questo posto. Prometto che farò del mio meglio per assicurarmi che la tua permanenza qui sarà piacevole. Prometto di tenerti al sicuro.

Buon sedicesimo compleanno, tesoro.

Tuo padre,
███ ████

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License