SCP-140-IT
voto: +11+x

Elemento #: SCP-140-IT

Classe dell'Oggetto: Keter

Procedure Speciali di Contenimento: Le operazioni di monitoraggio e occultamento di SCP-140-IT sono coordinate dal Sito Virtus e affidate agli agenti della Sezione Ispettorato e Ricerca (SIR), alcuni dei quali infiltrati nell'Azienda nazionale autonoma delle strade (Anas); si rende inoltre necessaria la saltuaria collaborazione con le branche tedesca (DE), greca (EL), inglese (EN), spagnola (ES) e francese (FR).

L'impiego di celle della realtà si è dimostrato efficace nel prevenire gli effetti dell'anomalia; tuttavia, considerati i costi e le difficoltà logistiche dell'ipotetica messa in sicurezza di tutte le aree interessate, il contributo al contenimento di SCP-140-IT si limita ad alcune decine di unità interrate in punti strategici.

Descrizione: SCP-140-IT è un fenomeno anomalo di dislocazione spaziale su scala probabilistica, che si manifesta in alcune specifiche aree ubicate principalmente, ma non esclusivamente, in territorio italiano. L'anomalia colpisce individui e/o animali in movimento (da soli o in gruppo) e consiste in un improvviso evento di smaterializzazione, seguito da una quasi istantanea materializzazione in un secondo punto1; SCP-140-IT si estende a eventuali veicoli e agli oggetti sul corpo fisico delle vittime (abiti e accessori), prevede la conservazione della quantità di moto e si verifica con modalità che, almeno a priori, sono compatibili con la sopravvivenza.2

Le sedi di smaterializzazione includono le carreggiate di un ben preciso elenco di strade; queste possono poi essere classificate in base al diverso livello di frequenza, ricavato dall'analisi statistica di tutti gli eventi certi finora documentati (si veda in proposito il registro SIR/140[ATTENZIONE! CREDENZIALI D'ACCESSO NON VALIDE]).

La sede di materializzazione, invece, può includere un qualsiasi punto (non già occupato) all'interno del perimetro delimitato dall'autostrada A90; le sedi in assoluto più frequenti (circa il 10% di tutti gli eventi) sono comprese in un raggio di 1478,5 metri3 dal punto di coordinate N 41° 53' 33.32" E 12° 29' 04.13", considerato l'epicentro dell'intera anomalia.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License