SCP-036
voto: 0+x
SCP-036-1-small.jpg

Il Volo del Pellegrinaggio in attesa del decollo.

Elemento #: SCP-036

Classe dell'Oggetto: Safe

Procedure Speciali di Contenimento: Una volta all'anno una Squadra Speciale Mobile viene inviata dal Comando-02 di Contenimento situato in [DATI CANCELLATI] verso il Sito-22A per difendere la pista e l'aeroporto ivi situati. Il complesso civile deve essere evacuato da tutto il personale non SCP dalle ore 4:00 del 23 settembre e non è permesso a nessuno di ritornare fino all'alba del giorno successivo. Il 1° Ottobre tutti i civili devono essere evacuati nuovamente prima dell'alba e non saranno ammessi nel Sito-22A fino al ritorno del "volo del Pellegrinaggio".

I pellegrini di passaggio dal "volo di Arrivo" che aspettano la partenza del "volo del Pellegrino" possono essere soggetti di esaminazioni incrociate solo da ricercatori con un'autorizzazione di Livello 3 o superiore.

Descrizione: SCP-036 include il Sito-22A (un piccolo aeroporto nella regione Mosul nella parte a nord dell'Iran) e il Sito 22-B (la destinazione dei passeggeri che si imbarcano al Sito-22-A). Gli elementi chiave di SCP-036 sono:

  • Il "volo di Arrivo" - Un aereo di linea (che cambia in fattura e modello di anno in anno) che arriva subito prima dell'alba del 23 Settembre. Appare sui radar a circa 30-40 km dal Sito 22-A. Non appena atterra, i "pellegrini" escono dall'aereo ed entrano nel terminal. Nessun membro dell'equipaggio è stato mai visto lasciare l'aereo, e le osservazioni a distanza hanno rivelato solo un pilota e un copilota mascherati. L'aereo riparte molto velocemente subito dopo l'uscita dei pellegrini, non aspettando l'autorizzazione per partire né identificandosi subito prima di atterrare.
  • I "Pellegrini" - Popolo di fede Yazidi che esce dall'aereo di "Arrivo", che affermano di essere in "kiras guhorîn". Ogni anno questi vengono esaminati e identificati come diverse persone di fede Yazidi morte l'anno precedente. L'identificazione viene effettuata tramite certificati di nascita, foto di identificazione, domande riguardanti informazioni specifiche e, quando possibile, impronte digitali. La maggior parte di queste persone si è rivelata gentile e amichevole, nonostante molti siano riluttanti a dare informazioni riguardanti il "kiras guhorîn". In passato, tutti hanno mostrato di non essere in grado di riconoscere amici o familiari, o riuscire a ricordare qualsiasi informazione a parte quelle che la normale memoria a breve termine permette. Nel tardo pomeriggio del 23 Settembre, molti pellegrini iniziano ad enfatizzare quanto sia importante che il loro pellegrinaggio abbia inizio. A questo punto, entrano tutti nel "volo del Pellegrinaggio" e partono, per non essere mai più rivisti.
  • Il "volo del Pellegrinaggio" - Un aereo di linea fornito dal personale SCP per il trasporto dei "pellegrini", pilotato da sant'uomini di fede Yazidi addestrati. Il personale di bordo non è quasi mai in grado di elaborare dettagli sul pellegrinaggio o spiegare in cosa consista il "kiras guhorîn". L'equipaggiamento SCP a bordo funziona ottimamente, anche se i dati registrati migliorano le nostre conoscenze sul pellegrinaggio di anno in anno solo in maniera molto marginale. Nonostante il fatto che il viaggio duri sette giorni, l'equipaggio e i dati registrati sono in grado di testimoniare solo poche ore. L'equipaggiamento di registrazione e le telecamere mostrano buchi temporali di diversi giorni, nonostante quanto sia registrato non mostri nulla fuori dalla normalità. L'aereo sparisce dal radar e dal contatto visivo circa 50-60 km dal Sito-22A fino a quando non torna intorno al 1° Ottobre.
  • Sito-22B - La destinazione "dell'aereo del Pellegrinaggio", è un piccolo aeroporto costituito da una pista d'atterraggio e da un singolo edificio collocato alle coordinate [DATI CANCELLATI]. È stato osservato solo "dall'equipaggio del Pellegrinaggio" e dalle telecamere sull'aereo. Non è mostrato dai satelliti e i tentativi di raggiungerlo a piedi sono falliti, una volta con risultati disastrosi. Le telecamere hanno problemi a focalizzarsi sull'area, siccome il calore proveniente dal terreno usualmente causa disturbi alla visione, simili a quelli che si riscontrano con i miraggi, su tutti gli oggetti a più di qualche dozzina di metri dall'aereo. Un volo di ricognizione con un aereo della Fondazione, avvenuto diverse settimane prima del pellegrinaggio ha rivelato una terra non ancora scoperta e quella che sembrava essere un'antica statua di pietra. Negli anni 90, la Squadra Speciale Mobile SCP Sigma-4 è riuscita a raggiungere il Sito-22B durante il pellegrinaggio. Subito dopo il loro ingresso nell'area, la comunicazione è stata persa e non si hanno avuto più notizie sulla Squadra Speciale. Non è consigliato effettuare altri tentativi di esplorazione durante i sette giorni di pellegrinaggio.
SCP-036-2.jpg

Santoni Yazidi poco prima del pellegrinaggio.

Originariamente il popolo degli Yazidi, di lingua curda e presente nel Mosul, effettuava segretamente da solo il pellegrinaggio. I pellegrini erano accompagnati dall'oriente da guardie a volto coperto su cammelli verso la cura degli uomini santi Yazidi. È stato spiegato che gli uomini santi portavano quindi i pellegrini verso occidente alla loro "terra del morto", dove i pellegrini avrebbero aspettato di "rinascere" tra il popolo Yazidi. Il "kiras guhorîn", tradotto letteralmente dal curdo come "cambio degli indumenti", è usato per descrivere la convinzione della reincarnazione che poche anime tra gli Yazidi subirebbero. Mentre il vero pellegrinaggio era effettuato in segreto, un simbolico pellegrinaggio e il "kiras guhorîn" sono effettuati ai nostri giorni dagli altri Yazidi.

Negli anni '60, la conquista di terre dei Curdi e dei Musulmani, attacchi dei Turchi e le leggi punitive del Governo Islamico Iracheno hanno modificato i movimenti e le abitudini degli Yazidi. In quel periodo la Fondazione è intervenuta e ha offerto aiuto nel trovare un accordo vantaggioso che permettesse agli aerei della Fondazione accesso illimitato alle strutture nell'area dell'aeroporto. Quasi subito dopo, misteriosi aerei che portano pellegrini dall'oriente hanno iniziato ad atterrare all'aeroporto locale e inoltre un elusivo aeroporto è apparso alla destinazione.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License