SCP-021
voto: +2+x
021.jpg

SCP-021 sul soggetto D-124 (ora deceduto).

Elemento #: SCP-021

Classe dell'Oggetto: Safe

Procedure Speciali di Contenimento: SCP-021 è un parassita obbligato del corpo umano: il contenimento, dunque, non è più difficile dal contenimento di un umano adulto; la maggior parte delle celle ha i requisiti necessari. L'oggetto è attualmente ospitato nella cella di detenzione 217-A sul soggetto D-139. Solo il personale di classe D può essere usato per ospitare SCP-021. Fino a quando un determinato soggetto sopravvive come ospite per SCP-021, egli è esente dalla normale terminazione mensile del personale di Classe D.

Descrizione: SCP-021 ha la forma di un tatuaggio elaborato e di grandi dimensioni raffigurante un drago in stile orientale, che copre circa 0,8 metri quadrati di pelle; tale tatuaggio è completamente animato entro i confini della pelle del suo ospite e si comporta come farebbe normalmente un animale, anche se solo in due dimensioni. Il movimento del tatuaggio provoca dolore al suo ospite, comparabile alla stessa natura del dolore provocato dal fare e dalla rimozione simultanea di un tatuaggio su larga scala. L'organismo tende a trascorrere la maggior parte del tempo sopra o intorno al torso. SCP-021 non presenta alcun fattore di intelligenza al di là di uno schema di base di alimentazione e locomozione, anche se in realtà misurare l'intelligenza di una forma di vita bi-dimensionale si è dimostrato un compito impossibile fino ad ora.

SCP-021 sembra nutrirsi esclusivamente dei pigmenti presenti nella pelle dell'ospite; questo può includere melanina, nel caso in cui il soggetto sembra essere affetto da vitiligine. Tuttavia, l'organismo mostra una netta preferenza per altri tatuaggi, e cercherà attivamente per poi divorare questi, prima di passare ai pigmenti naturali. Si noti che il processo di alimentazione in sé, a parte la sensazione del movimento, è indolore; l'inchiostro del tatuaggio svanisce semplicemente quando "mangiato". L'organismo mantiene una dimensione costante e non sono state notate escrezioni. L'organismo è in grado di eliminare eventuale inchiostro sulla pelle ad un tasso di circa 0,6 metri quadrati all'ora. Si può "nutrire" SCP-021 (rapidamente) tatuando frutta o piccoli animali sull'ospite.

SCP-021 può essere trasferito tra ospiti in diverse forme di contatto fisico, con differenti tassi di successo: in caso di avvenuto trasferimento, l'organismo semplicemente "nuota" da una persona all'altra. Il rapporto sessuale sembra essere il metodo di trasferimento più affidabile, con un tasso di successo pari al 93% di trasmissione; tuttavia, a causa del forte dolore coinvolto, questo non è esattamente l'ideale, ed il contatto tra due ferite aperte è il metodo generalmente preferibile. Il trasferimento è più complicato se fra soggetti deceduti, anche se non così tanto, in quanto l'organismo non risente degli effetti negativi della morte del suo ospite e continua a consumare i pigmenti. La trasmissione tra specie diverse non è stata ancora osservata: tutti i test effettuati in tal senso suggeriscono che sia impossibile o perlomeno estremamente raro.

SCP-021 però conferisce dei benefici al suo ospite: il tatuaggio si è dimostrato capace di accelerare il rilascio e il recupero di adrenalina e capace di diminuire l'accumulo di acido lattico nei muscoli, che fornisce aumento di forza, fiducia e tolleranza al dolore in situazioni di stress e che riduce i soliti postumi di debolezza ed affaticamento. Inoltre, il tatuaggio sembra avere qualche effetto benefico sul sistema immunitario dell'ospite. I patter di aggressività negli ospiti sono in genere superiori alla media, nonostante resti da vedere se si tratti di un effetto diretto del tatuaggio o semplicemente una reazione al dolore costante.

Il rapporto simbiotico è di solito limitato dalla durata di tempo in cui l'ospite riesce a tollerare tale dolore nella vita quotidiana. Questo ha portato al suicidio per un certo numero di soggetti e, in rari casi, gli ospiti sono stati anche vittime di infezioni fatali alla pelle.

Le origini e la natura di SCP-021 sono un mistero: tracciare la sua trasmissione da ospite ad ospite è difficile da attuare entro i confini della segretezza, e l'organismo potrebbe essere vecchio di centinaia di anni, se non di più. Ciononostante, la cattività di SCP-021 è tra le più lunghe della storia fra quella degli oggetti sotto custodia della Fondazione con quasi [DATI CANCELLATI] anni, ed è stato molto educativo fino ad ora. La ricerca attuale si concentra principalmente sull'osservazione della vita in due dimensioni tramite lo studio dell'organismo.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License