SCP-012
voto: 0+x

Elemento #: SCP-012

Classe dell'Oggetto: Euclid

Procedure Speciali di Contenimento: SCP-012 deve essere conservato in una stanza buia per tutto il tempo.
Se l’oggetto viene esposto alla luce o visto dal personale che utilizza una frequenza di luce diversa dall’infrarosso, bisogna evacuare il personale per un controllo immediato di salute mentale e fisica. L’oggetto deve essere racchiuso in una cassa ricoperta di metallo, appesa al soffitto con una distanza minima di 2,5 m (8 ft) da pavimento, muri o qualsiasi apertura.

Descrizione: SCP-012 è stato recuperato dall’archeologo K.M. Sandoval durante lo scavo di una tomba in Italia settentrionale, distrutta da una recente tempesta. L’oggetto, un pezzo di spartito scritto a mano intitolato “Sul monte Golgota”, parte di un insieme di spartiti più ampio, sembra essere incompleto.
In primo luogo si pensava che l’inchiostro rosso/nero provenisse da qualche forma di bacca o che fosse un inchiostro naturale, ma è stato in seguito scoperto essere sangue umano proveniente da diversi soggetti.
Il primo gruppo ad aver trovato il foglio (Salvataggio speciale sito-19) ha riportato due (2) membri condotti alla follia e che hanno cercato di utilizzare il proprio sangue per finire la composizione con conseguente perdita di liquidi biologici e numerosi traumi interni.

Dopo le prime indagini, i diversi soggetti del test hanno potuto accedere allo spartito. In ogni caso, i soggetti stessi si mutilavano al fine di utilizzare il proprio sangue per finire il pezzo, con conseguenti sintomi di psicosi con successivo grave trauma. I soggetti che sono riusciti a finire una sezione del pezzo si sono suicidati subito dopo dichiarando che il pezzo fosse “Impossibile da portare a termine”.
I tentativi di riprodurre la musica hanno portato ad una cacofonia sgradevole con ogni parte strumentale che non ha correlazione o armonia con gli altri strumenti.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License