SCP-001-IT/GRAF
voto: +45+x

ATTENZIONE: IL SEGUENTE ARTICOLO È RISERVATO AL PERSONALE CON AUTORIZZAZIONE 001-A, -B E -C.


L'ACCESSO NON AUTORIZZATO PROVOCHERÀ IL RILASCIO DI UN AGENTE MEMETICO DI CLASSE XVIII E IL DISPIEGAMENTO DI UNA TASK FORCE ALLA LOCAZIONE D'ACCESSO.

SIETE STATI AVVERTITI.


































































mandelbulb-1202583_960_720.jpg


Segni vitali rilevati.
Rimozione delle protezioni memetiche in corso…

Benvenuto, utente autorizzato.

Elemento #: SCP-001-IT

Classe dell'Oggetto: Keter

Procedure Speciali di Contenimento: SCP-001-IT è contenuto nella Sezione Alfa di massima sicurezza del Sito Deus. Tale struttura dev'essere dotata di un sistema Cella della Realtà1 di Settima Generazione costantemente attivo per prevenire deformazioni dello spazio-tempo all'interno della cella. SCP-001-IT è incatenato al pavimento della struttura tramite catene in lega acciaio-niobio ed è sorvegliato costantemente mediante telecamere e sensori di movimento. Nel caso vengano rilevati segnali di risveglio, la cella dev'essere inondata da soporiferi e gli altoparlanti posti all'interno della cella devono essere attivati e riprodurre agenti memetici sonori di Classe XXI o superiore per non meno di 25 minuti. La Sovrintendenza dev'essere informata immediatamente di qualunque evento riguardante SCP-001-IT.

Descrizione: SCP-001-IT è un'entità di natura incerta2 attualmente dall'aspetto rettiliforme, misurante 34 m di lunghezza e dal peso stimato di 15,7 tonnellate. La testa dell'anomalia è relativamente piccola rispetto al corpo, lunga circa 1,9 m, e si presenta ornata da cinque paia di corna (uno nelle regioni sopraorbitarie, due nelle porzioni occipitali del cranio e due emergenti dai rami della mandibola) rivolte posterolateralmente; gli occhi dell'anomalia presentano pupilla a fessura verticale e sono orientati in maniera tale da permettere la visione binoculare, mentre le narici sono sottili e allungate, poste nella regione terminale del cranio. La bocca presenta lingua biforcuta e dentatura omodonte composta da denti seghettati di forma conica, esposti data l'assenza di guance o labbra.

Il collo di SCP-001-IT è allungato e presenta sei sfinteri muscolari posti lungo le facce laterali, mentre il corpo è massiccio e presenta sei ali con patagio3 munite di penne iridescenti sulla faccia dorsale, con apertura massima di 45 m quando pienamente dispiegate. Gli arti dell'entità sono muscolosi, permettendo un'andatura bipede facoltativa digitigrada; quelli anteriori, meno sviluppati, terminano con quattro dita artigliate, mentre le posteriori ne presentano tre con uno sperone sulla faccia mediale della caviglia. La coda è lunga e appiattita trasversalmente, relativamente flessibile specialmente nella porzione terminale; fatta eccezione per i patagi, le regioni articolari, la pianta delle zampe e le aperture comunicanti con l'interno, rivestite da cute nerastra e traslucida, il corpo di SCP-001-IT si presenta rivestito da spessi osteodermi color avorio, organizzati in placche rinforzate.

Internamente, SCP-001-IT possiede numerosi tentacoli ricoperti da mucosa nero-verdastra forniti di due/tre artigli terminali, estroflessibili dalla cavità orale e dagli orifizi lungo il collo, mediante i quali l'entità è in grado di afferrare e manipolare oggetti con notevole precisione; ciò ha reso necessaria l'applicazione di anelli in acciaio attorno alle mandibole e al collo, allo scopo di prevenire l'uso di tali organi per rompere il contenimento. Il resto dell'anatomia interna di SCP-001-IT è ignoto.

SCP-001-IT è sapiente e in grado di esprimersi con fluidità in varie forme dell'italiano, inglese moderno, tedesco arcaico, greco e latino; l'apprendimento di tali lingue sembra derivato dal consumo di prede vive, attraverso le quali l'entità riesce ad ottenere rapidamente grandi quantità di informazioni con un meccanismo tuttora sconosciuto. Nonostante l'entità sia capace di comunicare, la sua indole tendenzialmente ostile e i gravi rischi che essa pone quando cosciente hanno spinto la Sovrintendenza a limitare i tentativi di intervista con essa.

La principale proprietà anomala di SCP-001-IT è la manipolazione della realtà in un raggio di circa 96 m attorno a sé, specializzata particolarmente nella telecinesi; tale capacità, che gli permette di interagire con gli oggetti circostanti e di formare barriere, si somma alla sua forza fisica e alla protezione offerta dalle placche ossee e dalla spessa cute, rendendolo resistente alla maggior parte delle armi convenzionali ed anomale. Inoltre, stando alle fonti storiche, SCP-001-IT è in grado di modificare lentamente il proprio aspetto fisico, rimanendo dormiente e inattivo per tutta la durata del processo.

Infine, SCP-001-IT è in grado di aprire varchi interdimensionali in maniera autonoma. Sebbene tale capacità non sia stata osservata durante il periodo di contenimento, le fonti storiche descrivono un'imponente distorsione comparsa direttamente prima della sua manifestazione, culminata con il suo squarcio4 dopo diverse settimane; è plausibile che tale evento sia una delle cause della destabilizzazione della realtà nella regione del Mediterraneo centrale e alla proliferazione di fenomeni di natura extradimensionale e taumaturgica, pertanto è imperativo prevenire l'apertura di ulteriori varchi da parte di SCP-001-IT.

Storia dell'anomalia: Le principali fonti storiche su SCP-001-IT provengono dall'Ordo Iani e dalla Confraternita dei Cavalieri di San Giorgio, gruppi responsabili della cattura dell'entità: secondo la documentazione fornita alla Fondazione, l'anomalia si manifestò nel 1236 e assaltò diversi paesi e villaggi sulla costa pugliese, nella zona attualmente in provincia di Andria, dirigendosi poi verso l'entroterra; i superstiti degli assalti informarono la corte imperiale della sua esistenza e, nei due anni seguenti, SCP-001-IT venne attaccato ripetutamente dall'esercito e dall'Ordo Iani, alleato dell'imperatore Federico II, senza però subire danni significativi in nessuno degli scontri.

Ciò spinse il sovrano a mettere da parte le proprie divergenze con lo Stato Pontificio e a chiedere il supporto di Papa Gregorio IX; questi, dopo molte reticenze, inviò nel maggio del 1239 una divisione della CCSG sia come supporto a Federico II che per studiare l'entità e le sue origini. Alla fine del 1239, in seguito a rapporti allarmanti riguardo la presunta natura di SCP-001-IT, il Papa ordinò il dispiegamento di altre tre divisioni della Confraternita, autorizzate ad utilizzare le Reliquie più potenti a loro disposizione.

Le truppe della Confraternita si unirono all'esercito imperiale e, all'inizio del 1240, affrontarono SCP-001-IT a circa 18 km da Andria. Nonostante le massicce perdite, la coalizione riuscì finalmente a prevalere utilizzando una Reliquia, andata parzialmente distrutta nell'evento5, che superò le difese di SCP-001-IT e lo colpì direttamente, provocando una grande esplosione che tramortì l'anomalia e scavò un profondo cratere. Usando le conoscenze esoteriche della Confraternita e dell'Ordo Iani, Federico II ordinò la costruzione di una struttura che fungesse da prigione per SCP-001-IT e la affidò all'Ordo Iani, con la permanenza di un contingente della CCSG fino al 1280.

SCP-001-IT rimase dormiente nei secoli successivi, modificando lentamente il proprio aspetto e raggiungendo la forma attuale nel 1933; da quell'anno, l'entità iniziò a mostrare segnali di risveglio che culminarono nel 1934, quando SCP-001-IT ritornò attivo e riuscì a liberarsi parzialmente, uccidendo 31 membri dell'Ordine prima di essere fermato mediante l'uso di un artefatto anomalo, in seguito rivelatosi di natura memetica6. L'incidente venne scoperto dal RIDIA, che requisì l'edificio e si dedicò allo studio dell'anomalia al fine di distruggerla, senza successo.


Documenti dell'Ordo Iani su SCP-001-IT, tradotti dall'originale in latino:

Documenti della CCSG su SCP-001-IT:

Estratto del messaggio dell'ultimo Direttore Generale del RIDIA alla Sovrintendenza su SCP-001-IT.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License