Rapporto Supplementare 239-B-192
voto: 0+x

Intervistato: Dr. A. Clef, in attesa di designazione SCP.

Intervistatore: Dr. ████████ Kondraki.

Prefazione: Quest'intervista ebbe luogo 24 ore dopo l'incidente al Sito 17.

<Inizio Log, ██-██-████, ████:██:██>

Kondraki: Clef.

Clef: Kondraki.

[lungo silenzio]

Clef: Come va la gamba?

Kondraki: Andrà bene. Come va la faccia, gli occhi, le orecchie e l'intero corpo?

Clef Mi hanno dato qualche minuto con il pendente. Abbastanza da guarirmi, non abbastanza da trasformarmi nel Blob.

Kondraki: Peccato. Avrebbe potuto migliorare la tua personalità.

Clef: Anche tu mi sei mancato.

[lungo silenzio]

Clef: Come sta la bambina?

Kondraki: In coma. Gears l'ha stesa sul posto, dopo quella cosa con il Drago. Hanno deciso che sarebbe stato meglio se fosse rimasta così. L'hanno rinchiusa in una stanza foderata di teleuccidente.

Clef: Chi è stato assegnato a farle la guardia?

Kondraki: Valdason.

Clef: Povera ragazza.

Kondraki: Strano, per uno che ha cercato di ucciderla.

Clef: Non parlavo dell'SCP.

[lungo silenzio]

Kondraki: Quindi, perché lo hai fatto?

Clef: Hai letto il rapporto, no? È stato uno mio sbaglio. Pensavo di poter aiutare a contenerla…

Kondraki: Cazzate.

Clef: Come scusa?

Kondraki: Cazzate. Secondo il rapporto, sei un completo idiota che ha fatto un casino così grande da causare un grosso incidente attraverso tutto il sito. Ma se ti conosco, non sei un idiota. Sei un sadico, malvagio, connivente bastardo, ma non sei stupido.

Clef: Non sapevo te ne importasse.

Kondraki: Basta con queste merdate, Clef. Quale era il tuo vero scopo?

Clef: Non ho idea di cosa tu stia parlando, Konny, caro.

Kondraki: [alzando la voce] È tutto troppo conveniente. Un log vocale parziale dal tuo PDA che si interrompe proprio mentre Lilith riesce a ordinarti di dire la verità? Una chiamata d'emergenza che invoca altri due ricercatori della Fondazione sulla scena? Una enorme breccia della sicurezza che fa sì che ogni singolo SCP in quella base lasci la sua cella di contenimento? Ingenti perdite, fra cui almeno 2 SCP, su uno dei quali avevamo grosse speranze, uno per cui TU personalmente ti sei battuto?

Clef: Tu li guardi i cartoni animati, Kondraki? Dovresti vedere questo show intitolato Gargoyles, penso che ti piacerebbe…

Kondraki: [urlando] Cosa diavolo stavi cercando di fare? Cercavi di uccidere qualcuno? Entrare in contatto con qualcuno? Far sì che mettessero a dormire la ragazzina?

Clef: [risata maniacale] Dannazione, gli Stones avevano ragione, è davvero la natura del mio gioco che ti turba, non è così?!

Kondraki: … cosa?

Clef: Piacere di conoscerti, spero che tu abbia indovinato il mio nome.

Kondraki: … cazzate. Menti. Tu menti sempre.

Clef: Si, io… mento sempre, non è così? Qualcuno potrebbe addirittura chiamarmi il padre delle menzogne, considerando quante ne dico. Divertente.

Kondraki: … le donne ti odiano.

Clef: Certo che si. Considerando quel piccolo incidente con l'albero di mele, non sono sorpreso che nutrano ancora del persistente risentimento. Era per il meglio, però…

Kondraki: [parlando più velocemente] Lilith ti conosceva. Disse che l'amavi. Tu dissi che non hai mai smesso di amarla…

Clef: Era troppo buona per quel lezioso sciocco. Indomabile, forte, e selvaggia, una vera donna, non quella piccola piagnucolosa sottomissiva troia di Eva. Certo, quel mite stronzo preferì quella che avrebbe mentito piano e l'avrebbe presa, non quella che gli avrebbe fatto vedere un…

Kondraki: [più velocemente e a voce più alta] La ninfa dei boschi… l'hai convinta a fiorire…

Clef: Petali di melo, se hai guardato con abbastanza attenzione.

Kondraki: E Sigurrós?

Clef: Conosciuta anche come l'Alfa e l'Omega, il Grande IO SONO… non sono ancora sicuro di cosa debba fare incarnandosi di nuovo. Voglio dire, vuol dire più o meno che il Paradiso è vuoto ora, e che la mia gente sta per assaltare i cancelli ad ogni momento, ora.

Kondraki: Mio dio…

Clef: … è ora in coma in un letto d'ospedale non troppo lontano, si. Inerme. Da sola… completamente vulnerabile.

[lungo silenzio]

Clef: [risata maniacale] Oh Gesù Cristo, ti stai davvero bevendo queste stronzate, vero?

Kondraki: … cosa?

Clef: Oh dio, lo sguardo sul tuo viso, non ha prezzo! È meglio di quella volta che ho detto a Gears che Alice aveva hackerato le mie ottiche e che mi aveva convinto di sbarazzarmi della competizione! Ha quasi messo quel mostriciattolo in una MRI per controllare se ci fossero infezioni nel suo cervello prima di capire che lo stavo prendendo per il culo… ma diavolo, il frigido bastardo non ha proprio emozioni, non è neanche lontanamente scompisciante quanto te!

Kondraki: … TU FIGLIODIPUTTANA SPARABALLE!

Clef: [risata maniacale, strangolata] Ed ecco la parte veramente fottuta, Kondraki… e se stessi mentendo ora? E se ti avessi detto la verità prima, e quello che voi primitive scimmie chiamate Paradiso sia bello aperto ora, pronto per essere assaltato dai miei seguaci? E se morissi, e la tua anima passasse il Confine, e trovi quei maledetti cancelli di artemicite coperti dalle ali insanguinate di Elohim inchiodate al muro? E se io fossi lì, pronto per condurti vero la tua eterna ricompensa? E se avessi ███, e le stessi facendo vedere tutte le cose che tu non sarai mai in grado di [DATI CANCELLATI]?

Kondraki: BASTARDO! Ti ucciderò!

Clef: Non si torna indietro, Konny! Sarà sempre lì, nel retro della tua testa, ossessivamente, ossessivamente, facendoti il solletico, girando intorno in una spirale senza fine…

Kondraki: [Urlo inarticolato di rabbia.]

[È stato determinato che fu a questo punto che il Dr. Clef cadde accidentalmente dalla sua sedia e colpì con la testa nove volte l'angolo della scrivania, fratturando il suo cranio e spezzandosi il collo fra la seconda e la terza vertebra.]

<Fine Log>

Conclusione: Il Dr. Clef rimane in cura intensiva, paralizzato dal collo in giù. Il Dr. Kondraki è stato ritenuto non responsabile di questo incidente.


Fonte ufficiale: Supplemental Report 239-B-192

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License