Proposta di DrGraph
voto: +11+x

ATTENZIONE: IL SEGUENTE ARTICOLO È RISERVATO AL PERSONALE CON AUTORIZZAZIONE 001-A, -B E -C.


L'ACCESSO NON AUTORIZZATO PROVOCHERÀ IL RILASCIO DI UN AGENTE MEMETICO DI CLASSE XVIII E IL DISPIEGAMENTO DI UNA TASK FORCE ALLA LOCAZIONE D'ACCESSO.

SIETE STATI AVVERTITI.


































































fract18.png


Segni vitali rilevati.
Rimozione delle protezioni memetiche in corso…

Benvenuto, utente autorizzato.
    • _

    Elemento #: SCP-001-IT

    Classe dell'Oggetto: Keter

    Procedure Speciali di Contenimento: SCP-001-IT è contenuto nella Sezione Alfa di massima sicurezza del Sito Deus. Tale struttura dev'essere dotata di un sistema Cella della Realtà1 di Settima Generazione costantemente attivo per prevenire deformazioni dello spazio-tempo all'interno della cella. SCP-001-IT è incatenato al pavimento della struttura tramite catene in lega acciaio-niobio ed è sorvegliato costantemente mediante telecamere e sensori di movimento. Nel caso vengano rilevati segnali di risveglio, la cella dev'essere inondata da soporiferi; se essi non dovessero essere efficaci, gli altoparlanti posti all'interno della cella devono essere attivati e riprodurre agenti memetici sonori di classe XVIII o superiore per non meno di 25 minuti. La Sovrintendenza dev'essere informata immediatamente di qualunque evento riguardante SCP-001-IT.

    Descrizione: SCP-001-IT è un'entità extradimensionale attualmente dall'aspetto rettiliforme e misurante 34 m di lunghezza e pesante 17 tonnellate. Il suo corpo è ricoperto da placche ossee e possiede sei ali dotate di piumaggio iridescente. SCP-001-IT è munito di tentacoli artigliati che può estroflettere dalla cavità orale o da tre paia di fori disposti lungo il collo e che possono essere usati per afferrare e manipolare oggetti con estrema accuratezza. SCP-001-IT è in grado di parlare fluentemente in latino, greco antico e in forme arcaiche di italiano e tedesco; tuttavia, visti gli enormi rischi posti dall'entità quando cosciente, non sono state tentate interviste con essa.

    Secondo i documenti dell'Ordo Iani, SCP-001-IT si manifestava originariamente come una massa informe di tentacoli sviluppata attorno ad un nucleo centrale di forma pressoché sferica che presentava abbozzi di organi sensoriali e la bocca dell'entità. Due anni dopo la sua prima comparsa, l'entità si presentava in una forma maggiormente organizzata, con una regione cefalica in cui i tentacoli erano disposti radialmente attorno alla cavità orale e un corpo in cui essi erano avvolti e parzialmente fusi per formare una struttura serpentiforme stimata attorno ai 45 m di lunghezza. Secondo gli esperti del Sito Deus, SCP-001-IT era emerso in una forma inadatta alle leggi della fisica e che, nel corso del tempo, si sia adattato ad esse divenendo sempre più stabile.

    SCP-001-IT è in grado di controllare lo spazio entro ██ m da sé quando pienamente cosciente; ciò gli permette di manipolare oggetti e di creare barriere protettive. Quest'ultima capacità si somma alla naturale resistenza fisica ai danni dell'anomalia, rendendola impervia alla maggior parte delle armi convenzionali ed anomale. La cella di SCP-001-IT venne creata in modo tale da prevenire che esso possa aprire una via di fuga o manipolare lo spazio all'esterno della cella; nel 2004 venne implementato un sistema Cella della Realtà per rafforzare tale struttura e, al contempo, [DATI CANCELLATI PER ORDINE DELLA SOVRINTENDENZA].

    Storia dell'anomalia: I primi documenti che trattano di SCP-001-IT risalgono all'agosto del 1236. L'entità aveva assaltato diversi villaggi lungo la costa attualmente parte della provincia di Andria e alcuni superstiti informarono l'Imperatore Federico II della sua esistenza. Nei due anni seguenti, SCP-001-IT avanzò verso l'entroterra e venne attaccato ripetutamente dall'esercito e dall'Ordo Iani, alleato dell'imperatore, senza però subire danni significativi in nessuno degli scontri. Ciò spinse il sovrano a mettere da parte le proprie divergenze con lo Stato Pontificio e a chiedere aiuto a Papa Gregorio IX; questi, dopo molte reticenze, inviò nel maggio del 1239 una divisione del CCSG sia come supporto a Federico II che per studiare e classificare l'anomalia. Alla fine del 1239, in seguito a rapporti allarmanti riguardo la presunta natura di SCP-001-IT, il Papa mandò altre tre divisioni della Confraternita, con il permesso di utilizzare le Reliquie più potenti a loro disposizione.

    Le truppe della Confraternita si unirono all'esercito imperiale e, all'inizio del 1240, affrontarono SCP-001-IT a circa 18 km da Andria. Nonostante le massicce perdite, la coalizione riuscì finalmente a prevalere utilizzando una Reliquia2 che superò le barriere difensive di SCP-001-IT e lo colpì direttamente, provocando una grande esplosione che tramortì l'anomalia e scavò un profondo cratere. Usando le conoscenze esoteriche della Confraternita e dell'Ordo Iani, Federico II fece costruire una struttura che fungesse da barriera per imprigionare SCP-001-IT.

    SCP-001-IT rimase dormiente nei secoli successivi, modificando lentamente il proprio aspetto; esso raggiunse la forma attuale nel 1933 e, da quell'anno, iniziò a mostrare segnali di risveglio; essi culminarono nel 1934, quando SCP-001-IT tentò di fuggire e venne fermato solo tramite l'utilizzo di un agente memetico di classe XV. Il RIDIA venne a sapere dell'incidente e, fino al suo scioglimento, partecipò al contenimento di SCP-001-IT.

    Contingenze in caso di breccia nel contenimento: A causa delle capacità altamente distruttive di SCP-001-IT quando pienamente cosciente, è impossibile prevenire uno scenario "Fine della Segretezza" se esso dovesse liberarsi dal contenimento. La Sovrintendenza, in comune accordo con il Concilio degli O5 e con le direzioni delle altre Branche della Fondazione, ritiene quindi inevitabile l'uso di protocolli di revisione storica per occultare ogni possibile prova dell'esistenza di SCP-001-IT e degli eventi conseguenti la breccia, oltre all'istituzione di un governo temporaneo tra la breccia e l'attuazione delle contingenze.

    Addendum 1: Uno studio condotto nel 2001 negli archivi di Ordo Iani e RIDIA ha rivelato che la comparsa di SCP-001-IT è stata seguita da un grande aumento delle anomalie sul territorio italiano, con una particolare prevalenza di entità e artefatti extradimensionali concentrati prevalentemente nella zona nord della Puglia. Si ritiene che l'emersione di SCP-001-IT abbia destabilizzato il tessuto spazio-temporale della regione e che sia la causa scatenante di [DATI CANCELLATI PER ORDINE DELLA SOVRINTENDENZA].

    Documenti dell'Ordo Iani su SCP-001-IT, tradotti dall'originale in latino:

      • _

      Lettera di un membro anonimo dell'Ordo Iani al Collegio, datata 23/08/1236:

      Illustrissimi membri del Collegio,
      quest'oggi, alcuni abitanti di un villaggio poco distante da Andria hanno chiesto udienza all'Imperatore Federico: secondo le loro parole, essi sono i superstiti dell'attacco di una bestia aborrente che ha squarciato i cieli ed è piovuta al suolo, schiacciando con la sua spropositata mole alcuni edifici. L'orrore ha iniziato immediatamente ad afferrare uomini e bestie con i suoi innumerevoli arti e a divorarli, trascinandosi lentamente per inseguirli.

      L'Imperatore è incredulo, ma teme che possa trattarsi di un demone evocato dai suoi nemici nel Papato, gli unici che disporrebbero di conoscenze tali da rilasciare un mostro simile, per cui ha stabilito che una squadriglia di cavalieri imperiali e di membri dell'Ordine di Giano verrà inviata per individuare questa creatura. Informerò il Sommo Consiglio di eventuali sviluppi.

    Documenti del CCSG su SCP-001-IT:

      • _

      Lettera di Carlo de' Galli, Capitano della Confraternita dei Cavalieri di San Giorgio, tradotta dall'originale in latino 22/05/1239:

      Al Confratello Antonio Bernardi,

      ho importanti notizie da Roma. Parrebbe che l'eretico Federico abbia mandato al Papa una lettera in cui supplica il suo aiuto nel fermare una bestia demoniaca e che il Pontefice abbia deciso di mandare una divisione del nostro Sacro Ordine ad indagare.

      Ammetto la mia sorpresa, non posso credere che il Papa abbia deciso di aiutare un traditore della Vera Fede, ma non oso contraddire la volontà del Vicario di Cristo. Potrebbero esserci ragioni che mi sfuggono, per cui attenderò altri sviluppi per non esprimere un giudizio affrettato. Se scopri qualcosa, informami; io farò lo stesso.

      Confratello Carlo de' Galli.

    Estratto del messaggio dell'ultimo Direttore Generale del RIDIA alla Sovrintendenza su SCP-001-IT.

      • _


      REGIO ISTITVTO
      DELLE ITALICHE
      A N O M A L I Æ



      […] Il giorno in cui il mio predecessore mi portò al cospetto di Nero-0446 è quello in cui capii che l'uomo, seppur dotato di genio e scienza come nessun altro essere della Terra, non riuscirà mai a comprendere appieno i misteri del mondo che lo circonda: la creatura dormiente che giaceva dinanzi ai miei occhi non era altro che il riflesso di qualcosa di immenso e incomparabile la quale, spinta da ignoti scopi, ha scelto di obbedire a leggi ad essa inferiori.

      Essa è la ragione per la quale il nostro Paese è flagellato da anomali esseri ed occorrenze inspiegabili: durante la sua comparsa, il suo sconfinato potere ha distrutto un delicato equilibrio che mai più potrà essere riparato.

      Quest'oggi, giorno di dolore in cui espio le colpe mie e di questo Istituto un tempo glorioso, vi lascio un dovere ingrato, come un padre indegno che lascia i propri debiti ai figli. Possano coloro a cui è rivolta questa lettera mai dimenticare la sua presenza, dormiente ma mai defunta. Come i miei predecessori e me prima di voi, recatevi al suo cospetto e contemplatelo. Dinanzi alla sua orrida maestà comprenderete davvero il vostro compito: trattenete il Drago nella sua prigione, che non veda mai più la luce del Sole e che non senta il dolce vento sulle sue ali.[…]

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License