Orientamento Al Comitato Etico
voto: +7+x

Buon pomeriggio, Dottore. Si sieda. I suoi impegni di oggi sono stati annullati. Non tenti di lasciare questa stanza prima che le venga detto che questa sessione è terminata. La porta è già stata chiusa, ma è cruciale che presti attenzione. Bene.

Lei è ora parte del Comitato Etico della Fondazione SCP. Questa non è una retrocessione.

Si sieda.

Sì, lei è terrorizzato. Pensa di essere punito per qualche fallimento, qualche mancanza di giudizio, qualche orribile disastro in cui lei fu coinvolto. Pensa che la sua carriera con la Fondazione sia finita. Potrebbe addirittura pensare che 'trasferito al Comitato Etico' sia un eufemismo per 'ucciso'. Questo non è il caso.

Noterà che ho detto “ucciso” piuttosto che “terminato”. È stata una scelta deliberata. Nel Comitato Etico, non usiamo eufemismi.

A causa del lavoro che la Fondazione SCP svolge, molti membri del personale pensano che l'idea che la Fondazione abbia un Comitato Etico sia solo una brutta battuta. Oppure sanno dell'esistenza del Comitato, ma hanno l'impressione che noi siamo solo delle prese in giro senza effetto. Una massa di occupa-sedia senza scopo con uno stampino in gomma con scritto APPROVATO, che non osano mai porre un'obiezione.

Sì, vedo che ha sentito le battute. Eccone una – 'quanti membri del Comitato Etico ci vogliono per cambiare una lampadina? Nessuno! Il Comitato Etico non può cambiare nulla!'

No, va bene. Fa ridere.

Ci impegniamo nel sostenere l'impressione che siamo inutili, perché siamo il potere segreto all'interno della Fondazione SCP.

Si sieda.

Sì, ci sono gli O5. Essi giudicano cosa non è sicuro, e quella è una funzione vitale e importante. Ma noi siamo quelli che consigliano agli O5 cosa è e cosa non è accettabile.

Lei ha fatto cose orribili e riprovevoli lavorando per la Fondazione – non provi a negarlo, Dottore. Noi tutti abbiamo fatto cose orribili e riprovevoli lavorando per la Fondazione. Questa è una delle conseguenze inevitabili del lavorare con gli SCP. E, a volte, lei si è chiesto se noi siamo i, aperte e chiuse virgolette, cattivi. Bene… non lo siamo. E ciò grazie al Comitato Etico. Questa è la sua prima lezione. Capisce?

Ricordi questo: la Fondazione non è malvagia. Non torturiamo le persone “perché sì". Noi siamo contro la crudeltà non necessaria. Il che significa che qualcuno deve decidere quando la crudeltà sia necessaria. E quel qualcuno siamo noi.

La smetta di tremare.

È importante che ricordi questo. Questa è la sua seconda lezione. La Fondazione non è a capo del mondo. La Fondazione serve il mondo. Capisce cosa significa? Nonostante ciò che la popolazione generale possa pensare che essa voglia, quello che noi facciamo, quello che la Fondazione fa, è nell'interesse di quella popolazione generale. Sì, sono sicuro che lo abbia già capito… ma non ha pensato alle implicazioni più profonde. Si è consolato dicendosi che tutte le torture e gli omicidi sono per il bene più grande. Ciò implica che ci sia un bene più grande… e uno più piccolo. Ciò implica che ci siano diversi e distinti beni, e che possono essere quantificati e comparati. Questo è quello che noi del Comitato Etico facciamo.

Noi siamo quelli che bilanciano i costi morali di tutto ciò che fa la Fondazione. E per bilanciare questi costi, dobbiamo prima conoscerli. Capisce cosa significa, Dottore? Significa che noi conosciamo tutto quello che la Fondazione fa, ha fatto e mai farà. Tutto ciò che sia mai stato redatto o cancellato, noi lo sappiamo. Fin nei più minimi dettagli.

Sì, incluso cosa fa SCP-447-2 quando entra in contatto con i corpi morti. Sì, sappiamo esattamente anche cosa sia la Procedura 110-Montauk. Dovremmo. Siamo noi quelli che l'hanno progettata.

No, è tutto a posto. È una reazione comune. Forse non dovremmo mettere in programma questi incontri subito dopo pranzo, suppongo. Ecco, si pulisca la bocca.

Non parteciperà più nella ricerca attiva. Si può considerare come un ricercatore in senso lato, andando da un progetto ad un altro, da un sito ad un altro, secondo la sua volontà. Non è un segreto; è perfettamente libero di dire a tutti i suoi amici che è stato trasferito al Comitato Etico… se può sopportare tutte le battute e la pietà che proveranno. Lei osserverà ciò che viene fatto, e chiederá ai partecipanti – e a sé stesso – perché viene fatto. Se in un qualsiasi momento sente che qualcosa è eccessivo o non necessario o sbagliato, ci informi. Noi convocheremo le persone coinvolte e gli faremo domande, in quel modo mite ed inefficace che i suoi colleghi prendono in giro.

E allora, ordini scenderanno dagli O5, attraverso i vari livelli di burocrazia. E a quelli che sono stati immorali verranno date delle reprimende che verranno annotate permanentemente. O il loro salario sarà diminuito, o saranno retrocessi, o saranno trasferiti ad un altro progetto.

O verranno giustiziati per crimini contro l'umanità.

Questa è la sua terza lezione. Se la ricordi.

La 'P' sta per 'Proteggere'. La Fondazione protegge l'umanità dagli SCP, e noi proteggiamo la Fondazione da sé stessa. Noi giudichiamo ciò che non è accettabile che la Fondazione faccia. Noi bilanciamo i mali in modo che nel complesso, e a lungo termine, il male sia minimizzato.

No, non ha scelta sull'essere o meno nel Comitato.

… Sì, l'ironia è amabile, non è vero.


Fonte ufficiale: Ethics Commitee Orientation

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License