Duca Fino all'Alba
voto: +7+x
blank.png

Prefazione di O5-2: Il ██/██/████ è stata avviata un’indagine sulla sopravvivenza a lungo termine di SCP-083-D. Sono stati presi in considerazione diversi fattori, come ad esempio il relativo pericolo implicato dal contenimento sostenuto e il rapporto costo-beneficio delle procedure per ottenere del sangue di vergine su base giornaliera. In conclusione, il Comando O5 ha preso la decisione unanime di terminare SCP-083-D, che in seguito è stata comunicata agli amministratori del Sito-19. Dopo aver svolto delle ricerche sulla difficoltà della terminazione di un soggetto con capacità rigenerative, superumano e potenzialmente di classe Keter, la terminazione è stata avviata. L'uomo scelto per questo incarico era una vecchia riserva, un uomo con molta esperienza nell'eliminazione di anomalie umanoidi dal grande potenziale distruttivo. Conosciuto per la sua metodologia pulita, quasi chirurgica, è stato designato presto per effettuare la terminazione.

Purtroppo, egli non era disponibile.

Nonostante le sollecitazioni di pari e subordinati, il dott. ████████ Kondraki è stato scelto per attuare la terminazione. Dopo che si è dato l'autorizzazione e l'approvazione per occuparsene tramite un cavillo nei regolamenti, il Comando O5 ha accettato, seppur con riluttanza, la sua auto-designazione. O5-8* ha mitigato i timori dei colleghi mostrando le notevoli credenziali del dott. Kondraki e affermando che, con una responsabilità così grande, avrebbe finalmente cominciato a prendere la sua posizione più sul serio.

*Si noti che, in quel periodo, O5-8 era stato nominato da poco e non era presente durante le precedenti azioni disciplinari che coinvolgevano il dott. Kondraki.

Incluse qui sotto si trovano le registrazioni rilevanti e la documentazione sulla terminazione del “Duca”.

Nota: Per informazioni sui danni collaterali subiti durante la terminazione, visualizzare il Documento 083-D-Kk. — O5-2

Registrazione di Contenimento █████083-DK █-██-████

Il dott. Kondraki entra nell'unità di contenimento di SCP-083-D; porta con sé un tavolo pieghevole e due sedie. Li posiziona, come da piano originario, e prende posto a un capo del tavolo.

Dott. Kondraki: Be’, è o non è una bella sistemazione? Ti trattano bene, Duca, molto bene, per essere qualcosa che sembra uscito da un romanzo di Bram Stoker.

SCP-083-D si accomoda sulla sedia davanti a lui.

SCP-083-D: Be’, di certo sto facendo qualcosa per meritarmelo, dottor… sa, ora che ci penso, non credo di averla mai vista in giro per il Sito-19.

Dott. Kondraki: Bene, non avresti dovuto vedermi. Ora facciamo questa intervista, ho cose più importanti da fare che chiacchierare con un succhia-sangue.

SCP-083-D: [ride] Io non la giudico per la sua dieta, no? Inoltre, sono io che ho chiesto quest’intervista e, come sa, ottengo sempre ciò che voglio.

Dott. Kondraki: Certo, certo. Ricordo però che hai richiesto una donna, spero che non sia troppo contrariato, conte. [il dott. Kondraki accende una sigaretta e tira fuori un contenitore di liquido appositamente trattato. Nel suo rapporto pre-terminazione, il dott. Kondraki non aveva specificato la composizione chimica del contenuto per motivi di sicurezza.]

SCP-083-D: Non posso dire di essere contento di accettare un esemplare così gretto dell’umanità come lei, invece di un amabile boccone di femminilità. Non si preoccupi, dovrò soltanto accordarmi con la signorina ██████ una volta che avremo finito.

Il dott. Kondraki svita il tappo del contenitore, posizionandolo al suo fianco. SCP-083-D sembra infastidito dall'odore. L'agente Infred si fa avanti per perquisire il dott. Kondraki. Gli sequestra subito un'arma da fuoco.

Agente Infred: Mi dispiace, dottore, questa non è consentita.

Dott. Kondraki: Si, si, come ti pare. Allora, perché non mi parli di te, Drac? Sei la mitica forza dell'oscurità che piaga la psiche del genere umano o sei solo un bambinone viziato che gioca al vampiro?

SCP-083-D: [sembra leggermente infastidito] Non penso di gradire il suo atteggiamento, dottore. O la sua mancanza di rispetto.

Dott. Kondraki: [soffia del fumo verso SCP-083-D] Strano, non ricordo che me ne fregasse un cazzo.

Il dott. Kondraki afferra il contenitore e schizza il liquido addosso a SCP-083-D, molto prima che le squadre di contenimento e gli agenti di riserva fossero in posizione.

SCP-083-D: Con che cazzo mi hai bagnato?

Dott. Kondraki: Urina di gatto e succo d'aglio, pipistrellino, con un pizzico di nitrato d'argento.

Il dott. Kondraki rovescia il tavolo pieghevole su SCP-083-D e afferra un'arma da fuoco da sotto il tavolo, mentre borbotta qualcosa sul fatto di "avere sempre bisogno di un piano B”. Spara 7 volte al torace e alla gola di SCP-083-D, per poi sfilare un paletto di legno di frassino dal suo camice da laboratorio e pugnalare SCP-083-D al cuore. In seguito, le analisi chimiche hanno confermato che i proiettili erano composti da una lega d’argento. Nessuna di queste azioni era stata pianificata o approvata.

Dott. Kondraki: Cancellalo dalla lista delle cose che ho sempre voluto fare.

Intervista Post-Incidente DK-083
Intervistatrice: la dott.ssa ███
Intervistato: il dott. Kondraki

Dott.ssa ███: A quale punto ha concluso che SCP-083-D avrebbe potuto avere gli stessi punti deboli del vampiro stereotipico, nonostante la mancanza di prove precedenti?

Dott. Kondraki: A dirla tutta, stavo tirando a indovinare. Ho pensato che: o avrebbe funzionato e avrei finito abbastanza presto da andare in pausa pranzo, o avrei dovuto pensare in fretta prima che mi uccidesse.

Dott.ssa ███: Pensare in fretta? Tutto qui?

Dott. Kondraki: Sì. Non sono riuscito a pensare ad altro, così ho deciso di improvvisare.

Dott.ssa ███: Sta dicendo che si è inventato tutto sul momento? Non le sembra irresponsabile oltremisura, considerate le capacità di SCP-083-D?

Dott. Kondraki: È morto, no? Non ho bisogno di spiegarmi se porto a termine il lavoro.

Dott.ssa ███: D’accordo, mi sembra giusto, ma devo chiederle ancora una cosa.

Drott. Kondraki: Spari.

Dott.ssa ███: Perché l’urina di gatto?

Dott. Kondraki: Oh, be’, se mi fossi sbagliato e non avesse funzionato, sarebbe comunque stato lui quello ricoperto di piscio di gatto. Non pensavo che si sarebbe offeso così tanto, però.

ESTRATTO DALL’INTERVISTA POST-INCIDENTE 083-963-21

Intervistatrice: E, dopo aver revisionato le registrazioni, pensa che il dottor Kondraki abbia agito in modo incauto?

Dott. Bright: (Silenzio)

Intervistatrice: Dottor Bright?

Dott. Bright: Questa… questa registrazione è a verbale?

Intervistatrice: No, dottor Bright.

Dott. Bright: (Mostra segni di agitazione, imprecando in numerose lingue diverse e lanciando pezzi di equipaggiamento per la stanza)

Intervistatrice: Dottor Bright! Qual è il problema?

Dott. Bright: Non solo ho scommesso cinquecento dollari che quello stronzo non sarebbe stato in grado di buttare del piscio di gatto su SCP-083-D, ma non ha neanche avuto la buona grazia di morire durante la terminazione! Si rende conto di quanto sto per perdere, pagando quella scommessa? Maledizione!

A questo punto delle registrazioni, non siamo sicuri di come il dott. Kondraki sia sopravvissuto agli eventi successivi alla breccia nel contenimento, a causa della distruzione di tutte le apparecchiature di sorveglianza. Le telecamere di sicurezza al di fuori dell’unità di contenimento di SCP-083-D hanno mostrato il dott. Kondraki e SCP-083-D mentre uscivano dall’area, circa mezz’ora più tardi. Gli esami forensi dei danni subiti all'interno della cella di contenimento sono tuttora in corso. A ogni modo, è stato lanciato l’allarme rosso e le squadre di sicurezza sono state dispiegate per contenere SCP-083-D e portare il dott. Kondraki al sicuro, tra cui la SSM Rho-2 (“Eroi di Hawthorne”). Col senno di poi, sarebbe stato molto più economico sparare al dott. Kondraki. — O5-2

ESTRATTO DALL'INTERVISTA POST-INCIDENTE 083-KPC-13

Prof. Kain Pathos Crow: È un vero peccato per il buon vecchio SCP-083-D: c’era un paio di cose che avrei voluto fare con lui. Come ficcarlo in SCP-914 con diverse impostazioni e vedere cosa sarebbe successo. O vedere come facesse esattamente a rigenerarsi dalla decapitazione. O come avrebbe reagito a SCP-217. O se fosse un buon donatore di organi. O se fosse…

Intervistatrice: Ehm… professore, potrebbe rispondere alla domanda, per piacere?

Prof. Kain Pathos Crow: Eh? Oh, sì, ecco, il dottor Kondraki sembra cavarsela in questo tipo di situazioni. È un maestro, quando si tratta di tirare fuori delle soluzioni dal nulla, non c’è che dire.

Intervistatrice: Quindi lo etichetterebbe come uno sconsiderato?

Prof. Kain Pathos Crow: Sì, senza dubbio.

Intervistatrice: Ecco, quindi è un potenziale ostacolo.

Prof. Kain Pathos Crow: Oh, non ho mai detto questo. Certo, è impreciso come una granata difettosa, probabilmente l'unico posto sicuro quando è nei paraggi è dentro di lui o qualcosa del genere. Ma porta i lavori a termine, a spese di chiunque e qualunque cosa intorno a lui che non sia abbastanza tosto da reggere lo scoppio.

Intervistatrice: [silenzio]
 
Prof. Kain Pathos Crow: Che c’è? Fa il suo dovere.

Registrazione della Sicurezza C-083-K

<INIZIO REGISTRAZIONE>

Il dott. Kondraki esce dal corridoio R-14 mentre SCP-083-D lo insegue. Danni notevoli causati per via della cecità inflitta dalla fotocamera del dott. Kondraki (vedi il fascicolo su SCP-515-ARC), che ha indotto SCP-083-D a dimenarsi finché non si è rigenerato.

SCP-083-D si riprende e insegue il dott. Kondraki fino alle aree di contenimento centrali.

Il dott. Kondraki, con un piccolo vantaggio, è in grado di accedere all'area di contenimento delle anomalie non senzienti e si fa strada attraverso due guardie armate sventolando il suo cartellino identificativo.

SCP-083-D accede all'area di contenimento delle anomalie non senzienti, uccide e prosciuga diversi ricercatori nei paraggi. Si mette a cercare il dott. Kondraki nell'area, mietendo altre vittime.

Il dott. Kondraki accede a una cassaforte nell'area di contenimento, rimuove un oggetto circolare e fugge dall'area attraversando il corridoio R-17.

SCP-083-D continua l’inseguimento e guadagna terreno. Alcuni secondi dopo, un lampo di luce viene rilevato da una telecamera nel corridoio e un oggetto discoidale luminoso travolge SCP-083-D ad altissima velocità. SCP-083-D perde una gamba e vacilla.

Il dott. Kondraki si ferma per osservare i danni, mentre il disco (che è stato confermato essere SCP-338) continua a volare attraverso il Sito-19, fino a fermarsi a 2 km di distanza dalla struttura di ricerca. Il dott. Kondraki si avvicina a SCP-083-D con una pistola sfoderata.

SCP-083-D comincia a rigenerarsi e si alza, appoggiandosi al muro vicino. Si vede il dott. Kondraki parlare, prima di imboccare di corsa il corridoio Y-8. SCP-083-D lo insegue poco dopo, saltellando su una gamba finché l'altra non si rigenera. Lo si vede imprecare a gran voce.

<FINE REGISTRAZIONE>

Registrazione Audio 083-D-K-4

Dott. Kondraki – Be’, almeno hai una gamba su cui stare, conte!

SCP-083-D – Ti ucciderò con calma, quando ti metterò le mani addosso! Non hai la minima idea del letamaio in cui ti sei tuffato, umano, ma ti ucciderò e distruggerò tutto ciò che ti è caro!

Dott. Kondraki – Come, scusa? Non riesco a sentirti con tutto quel rumore di arterie che zampillano. [indica la gamba mancante] Ehi, sai, se questa storia del vampiro non funziona, saresti un ottimo pirata!

SCP-083-D – Tra più o meno cinque secondi la mia gamba ricrescerà e ti farò a pezzi.

Dott. Kondraki – In bocca al lupo, Drac. [il dott. Kondraki se ne va]

SCP-083-D – Ti staccherò un brandello di carne per ognuna di queste battute idiote! Tutte quante!

È a questo punto che, mentre il dott. Kondraki usciva dall'area inseguito da SCP-083-D, la SSM Rho-2 è arrivata per cercare di ripristinare il contenimento del “Duca”. Il tentativo di terminazione è stato considerato un fallimento dal Comando O5 e gli ordini sono stati limitati al contenimento dei danni. Purtroppo, le altre squadre della sicurezza erano ancora in arrivo e non sono state in grado di aiutare la SSM Rho-2. Se non fosse stato dato l'ordine di evacuare tutte le anomalie di classe Euclid dal settore, forse avrebbero potuto farcela. — O5-2

Registrazione di Sicurezza Y-083-K

Il dott. Kondraki riesce a raggiungere un incrocio a tre uscite prima che SCP-083-D cominci a recuperare terreno. Un carrello elevatore che trasporta una grossa scatola metallica sta salendo lungo la pendenza a destra del dott. Kondraki.

SCP-083-D svolta l'angolo, ma va a sbattere contro il carrello elevatore, che è stato manovrato per bloccare l'ingresso. Si vede il dott. Kondraki sulla soglia di una scalinata centrale. In quel momento, si trovano al quindicesimo piano della struttura. SCP-083-D lancia via la scatola di metallo in un impeto di frustrazione, prima di cominciare a spostare il carrello elevatore.

Il dott. Kondraki scappa giù per le scalinate. La scatola metallica si apre nel momento in cui impatta con il soffitto e ne fuoriesce una grossa palla scomposta di oggetti metallici che iniziano a rotolare lungo la pendenza.

La SSM Rho-2 raggiunge l’ubicazione attuale di SCP-083-D tramite la scalinata centrale. Il dott. Kondraki supera la SSM Rho-2.

Il contatto con la SSM Rho-2 si perde.

ESTRATTO DALL'INTERVISTA POST-INCIDENTE 083-CLEF-01

Intervistatore: Sul serio? Nessun errore?

Dott. Clef: No, non riesco proprio a notare alcun errore da parte del dottor Kondraki nel suo protocollo di terminazione, fino a questo punto.

Intervistatore: Davvero?

Dott. Clef: Nessuno. Aveva un meccanismo di uccisione primario, un piano di riserva e pure un piano terziario. Il fatto che il suo piano sia fallito al primo contatto col nemico non è stata colpa sua. La morte degli agenti della SSM Rho-2 è stata una conseguenza triste e imprevedibile dello spostamento di quell’anomalia di classe Euclid.

Intervistatore: Capisco. Allora mi dica, dottor Clef, e se tutto questo non fosse stato parte di un piano, ma se lo fosse inventato sul momento?

Dott. Clef: [ride] In questo caso, signore, direi che il dottor Kondraki è uno scemo suicida. Ma era ovvio che non l’avrebbe fatto.

Intervistatore: [silenzio]
 
Dott. Clef: No! L’ha fatto?

Intervistatore: Qui ho una copia della proposta della procedura di terminazione del dottor Kondraki. Il primo passo era usare urina di gatto e una pistola carica di proiettili d’argento. I piani di riserva due, tre, quattro e cinque consistono, e cito le sue testuali parole, in “improvvisare”, “inventarmi qualcosa”, “attraversare quel ponte quando ci arrivo”, e “mettermi la testa fra le gambe e dare un bacio d’addio al mio culo”.
 
Dott. Clef: [REDATTO]

Registrazione di Combattimento della Squadra Speciale Mobile Rho-2

R2-1 – Ora stiamo salendo le scale, verso l'ultima ubicazione nota di SCP-083-D. Dall'alto si sentono dei respiri affannosi, le nostre informazioni devono essere giuste.

R2-6 – Stavolta ha davvero fatto un casino di merda. Piscio all’aglio, dove l’ha preso?

R2-1 – Modera i termini, R2-6.

R2-3 – Signore, soggetto in arrivo, un umanoide!

R2-9 – È in camice da laboratorio, non è il Duca. Corre dritto verso di noi, signore, lo neutralizziamo?

R2-1 – Preparare i neutralizzatori elettrici sottocutanei, al mio… che diamine è quel suono?

[non identificato] Oh! Cazzo, cazzo, cazzo, merda, cazzo, dannazione, merda, cazzo! Toglietevi di mezzo, si salvi chi può!

R2-2 – Ha preso le scale per scendere, doveva essere il dottor Kondraki! Ma non vedo SCP-083-D!

R2-1 – Nessun contatto col Duca, continuiamo su per le…

R2-5 – Che diavolo è quello?! È enorme!

R2-1 – Aprire il fuoco, aprire il…

[urla incomprensibili]

[sconosciuto] – L’ha appena schiacciato! Via di qui, via di…

[le urla continuano, il contatto audio si interrompe]

È a questo punto che il Comando O5 ha cominciato a rendersi conto che SCP-083-D non era l'unica minaccia per il Sito-19 durante l'incidente. Anche se fino a quel momento SCP-083-D aveva causato la morte di 17 membri del personale, il dott. Kondraki era stato coinvolto in 3 brecce nel contenimento. La maggior parte di quei membri del personale erano impiegati minoritari, il che rende la loro perdita trascurabile al confronto. La SSM Rho-2 è stata trovata in seguito dalle squadre della sicurezza del sito in fondo alla rampa di scale, del tutto aggrovigliata in SCP-162; diversi membri della squadra erano stati schiacciati a morte o erano deceduti a causa delle emorragie dovute alle numerose lacerazioni. Il contenimento di SCP-083-D stava diventando una possibilità remota in fretta e il dott. Kondraki era svanito dal contatto visivo. Allo stesso tempo, un’altra anomalia aveva fatto breccia nel contenimento dall’altra parte della struttura e il caos ha reso i dettagli scarsi. Nel frattempo, SCP-083-D infuriava per il sito cercando di individuare il dott. Kondraki. Il Comando O5 era nel panico e presto avrebbe dovuto fare una scelta. Ma non l’ha presa abbastanza in fretta. — O5-2

ESTRATTO DELL'INTERVISTA POST-INCIDENTE 083-Iceberg-42

Intervistatore: Quindi lei è dell'opinione che il dottor Kondraki si sia comportato in modo irresponsabile?

Dott. Iceberg: Oh, sì, senz’altro.

Intervistatore: Lo definirebbe una potenziale minaccia?

Dott. Iceberg: Ovviamente. È un pericolo soltanto camminando in giro.

Intervistatore: Capisco. Bene, allora, dottor Iceberg…

Dott. Iceberg: Voglio dire, lo guardi. Quell'uomo è uno squilibrato. Uno squilibrato a cui hanno dato fin troppo potere.

Intervistatore: D’accordo, quindi…

Dott. Iceberg: È chiaro che dev’essere sollevato dal suo incarico. Forse terminato.

Intervistatore: Dottor Iceberg, non è…

Dott. Iceberg: Ora, vede, la sua morte lascerebbe una piccola apertura. Capo della Ricerca al Sito-17. Bel lavoro. Capisce, senza di lui, avremo bisogno di qualcuno di affidabile per prendere il suo posto.

Intervistatore: [silenzio]

Dott. Iceberg: E io credo di essere la persona giusta. Sono affidabile, lavoro sodo, me la cavo nel combattimento corpo a corpo, sono intelligente, sano di mente, un buon organizzatore, conosco più di quaranta tipi di esplosivi improvvisati e…

Intervistatore: Basta così, dottor Iceberg. Credo che la nostra intervista sia finita.

Dott. Iceberg: Intervista? Vuole dire che tutto questo è stato registrato?

Intervistatore: Sì.

Dott. Iceberg: E Kondraki leggerà il verbale?

Intervistatore: Può darsi.

Dott. Iceberg: Io… ehm… devo andare a scrivere il mio testamento.

Registrazione di Sicurezza C-083-K

Il contatto visivo con il dott. Kondraki viene ripristinato, lo si vede irrompere il un laboratorio al settimo piano, si impossessa di un cavo ad alta tensione composto da una lega di SCP-143 con nanotubi di carbonio.

SCP-083-D arriva al settimo piano, all'inseguimento del dott. Kondraki. Le squadre della sicurezza arrivano per contenere SCP-083-D, ma senza successo. Le squadre 4, 8 e 14 vengono spazzate via. SCP-083-D continua per la sua strada.

Il dott. Kondraki recupera e indossa un paio di scarpe, prelevate in precedenza dal settore di contenimento per le anomalie di classe Safe. La velocità di movimento del dott. Kondraki aumenta. Esce dal settore di contenimento, dirigendosi verso il corridoio D-3.

SCP-083-D continua ad inseguire il dott. Kondraki, devastando il settore di contenimento. Non riesce a raggiungere il dott. Kondraki a causa della sua velocità aumentata, ma è in grado di guadagnare terreno passando attraverso i muri sul suo tragitto, come se fosse intangibile.

Il dott. Kondraki si dirige verso l'area di contenimento delle anomalie di classe Keter, il suo lasciapassare gli garantisce l’accesso immediato ai sistemi di sicurezza automatizzati. Procede verso il prossimo punto di controllo. Tutte le Squadre Speciali Mobili vengono allertate sulla situazione.

SCP-083-D viene rallentato dai punti di controllo della sicurezza e da ulteriore resistenza da parte della sicurezza del sito. La rigenerazione di SCP-083-D lo fa riprendere in fretta da tutte le ferite inflitte. Il sito viene messo in allerta massima, tutte le forze vengono ridirette all'area di contenimento delle anomalie di classe Keter.

Il dott. Kondraki continua a passare attraverso i punti di controllo. Arriva in una grande camera di contenimento con una sola porta davanti all’entrata. Il lasciapassare del dott. Kondraki non funziona su quest'ultimo punto di controllo. Il dott. Kondraki sfila dal suo camice un oggetto conico con una impugnatura da pistola.

SCP-083-D arriva nella stanza. Sembra confuso e procede verso il centro della camera. Il dott. Kondraki non è più visibile. SCP-083-D si avvicina all’unica porta.

Si sente la voce del dott. Kondraki, uno sciame di SCP-408 lo rivela in piedi vicino all'entrata della stanza. Si osserva uno scambio verbale, prima che il dott. Kondraki parli nell’oggetto che tiene in mano (le prime analisi visive hanno confermato che era un megafono di infima fattura).

Dei tremiti cominciano a scuotere l’area e diverse fratture sismiche si aprono nel muro con la porta.

Il contenimento dell’anomalia di classe Keter SCP-682 viene compromesso.

ESTRATTO DELL'INTERVISTA POST-INCIDENTE 083-Dott. Gears-62

Dott. Gears: “Sconsiderato” è un termine relativo. Guardato dal mero punto di vista di un esperimento di terminazione condotto su un’anomalia umanoide quasi invulnerabile, la prova del dottor Kondraki ha ottenuto un livello medio-basso di danni collaterali.

Intervistatore: Quindi ritiene che le azioni del dottor Kondraki sono accettabili?

Dott. Gears: Ha raggiunto il suo scopo originario. A ogni modo, la perdita di membri del personale, molteplici brecce nel contenimento, danni sparsi al Sito-19 e una generale dimenticanza di pianificazione rappresentano un grossolano errore da parte del dottor Kondraki.

Intervistatore: Demolire una grossa porzione di un sito è più che una dimenticanza di pianificazione.

Dott. Gears: Signore, se posso parlare in libertà, credo che ci stiamo concentrando sui dettagli sbagliati. Abbiamo presunto che il dottor Kondraki fosse un “cane sciolto”, una persona incosciente che non mette alcuna pianificazione in qualsiasi cosa faccia. Tuttavia, è una supposizione pericolosa e limitata.

Intervistatore: Di cosa sta parlando?

Dott. Gears: La mente umana tende a interpretare degli schemi complessi e in rapida evoluzione come casuali. Credo che il dottor Kondraki abbia usato la terminazione di SCP-083-D come una scusa: tutto quell’inseguimento molto distruttivo e le brecce nel contenimento erano un diversivo.

Intervistatore: Quindi mi sta dicendo che l’aveva pianificato?

Dott. Gears: Non in senso tradizionale. Per fare un esempio matematico, è partito dalla soluzione e ha calcolato all’indietro per creare il problema. Le varie brecce nel contenimento, l'evacuazione delle anomalie, SCP-083-D e i suoi attacchi ai membri del personale, tutte queste cose hanno ridotto le risorse del Sito-19 a un livello pericolosamente sottile. Questo gli ha permesso di mettere in pratica quello che, secondo la mia ipotesi, era il suo vero scopo.

Intervistatore: Che sarebbe?

Dott. Gears: Cavalcare SCP-682.

ESTRATTO DELL'INTERVISTA POST-INCIDENTE 083-CLEF-01

Dott. Clef: Aspetta, cosa?!

Registrazione Audio C-682-K

Dott. Kondraki: Bene bene bene, guarda dove siamo andati a finire, Duca. Indovina cosa c'è dietro la porta numero uno?

SCP-083-D: Non potrebbe interessarmi di meno, perché tutto quello che so è che ho distrutto l'entrata di quest'area quando ci sono entrato. Sei in trappola, dottore, bloccato qui con me, e mi godrò ogni singolo momento.

Dott. Kondraki: [ride] Immaginavo che avresti fatto una cosa simile. Ammetto che questo non è il posto migliore per una ritirata strategica, ma ho ancora il mio asso nella manica.

SCP-083-D: E quale sarebbe, quelle stupide farfalle? Non puoi nasconderti per sempre, ti troverò.

Dott. Kondraki: Oddio, non sto nella pelle per vedere la faccia che farai! [indica il megafono] Ma prima, perché non invitiamo il nostro amico fuori dalla sua stanzetta?

[il dott. Kondraki comincia ad urlare una serie di insulti al megafono. SCP-083-D tenta di coprirsi le orecchie, invano]

SCP-083-D: Che stai facendo?

[si sentono dei ruggiti e rumori di metallo e cemento che si sgretolano]

SCP-083-D: [guarda dietro di sé] No! Lurido figlio di…

TRASMISSIONE PERSA

È a questo punto che la direzione del Sito-19 ha deciso di mettere in quarantena tutto il Settore 3 dai piani 7 al 15, bloccandolo da cima a fondo e rinchiudendovi tutto ciò che vi si trovava. Con SCP-682 a piede libero, SCP-083-D ancora pericoloso e il dott. Kondraki ancora in vita, si sperava che tutti e tre si uccidessero l'un l'altro. Col sopravvissuto indebolito in modo significativo dalla rissa precedente, le squadre di contenimento si sarebbero mosse per ristabilire l'ordine. C'erano diversi problemi imprevisti in questo piano, come per esempio non tenere conto di SCP-682 (che era contenuto in quel settore su una base temporanea) o l'ingenuità del dott. Kondraki. Se il piano avesse preso questi problemi in considerazione, sarebbe stato saggio suggerire l'uso di armamento nucleare. — O5-2

Registrazione di Sicurezza C-682-K

Il dott. Kondraki riesce a sfuggire alla prima carica di SCP-682 attraverso la stanza, scomparendo nuovamente in un nugolo di istanze di SCP-408.

SCP-083-D affronta SCP-682, ferendosi gravemente durante l'assalto, ma la sua rapida rigenerazione lo aiuta a riprendersi. SCP-083-D prova a comunicare con SCP-682.

SCP-682 si ferma e “parla” per alcuni secondi. Senza preavviso, SCP-682 colpisce SCP-083-D e lo lancia attraverso la stanza, staccandogli due braccia e una gamba.

SCP-083-D cerca di ritirarsi per rigenerarsi, ma non riesce ad allontanarsi abbastanza da SCP-682.

SCP-682 divora intero SCP-083-D. Nessuna attività, finché non si osserva un movimento dietro SCP-682.

Adesso il dott. Kondraki è sul dorso di SCP-682, tenendo in mano i due capi del cavo ad alta tensione recuperato in precedenza, usato come delle redini improvvisate. Il dott. Kondraki “cavalca” SCP-682, gridando e agitando il suo berretto a visiera con la mano libera.

SCP-682 entra in uno stato di collera e fa una potente carica verso l’entrata. Sfonda facilmente gli ostacoli dovuti alla distruzione seminata da SCP-083-D, poi inizia ad abbattere i muri di sigillazione.

Il dott. Kondraki e SCP-682 fanno breccia nella quarantena. I protocolli di evacuazione completa vengono attivati.

A questo punto, era ovvio che le cose erano davvero andate fuori controllo. Si presumeva che SCP-083-D fosse stato neutralizzato, ma al costo di rilasciare SCP-682 nel Sito-19 senza il personale adatto per ristabilire le procedure speciali di contenimento. Come se avesse provocato un allagamento per spegnere un incendio in cucina, il dott. Kondraki avrebbe messo l'intero Sito-19 in grave pericolo. La maggior parte del personale era già stata fatta evacuare, mentre le squadre d'emergenza tentavano di impedire ulteriori perdite e mitigare i danni, per quanto possibile. L'intera situazione era diventata un disastro ingestibile. L’ironia sta nel fatto che questo è esattamente il tipo di disastro che il dott. Kondraki gestisce alla perfezione. — O5-2

Registrazione di Sicurezza C-682-19-K

Il dott. Kondraki rimane sul dorso di SCP-682, resistendo nonostante gli scossoni del corpo di SCP-682 durante la sua corsa.

SCP-682 comincia ad adattarsi come si è visto nelle precedenti osservazioni, avendo sostenuto dei danni notevoli nei suoi tentativi di sfondare vari ostacoli. Sulla sua schiena cominciano a crescere degli spuntoni composti da tessuto osseo, nel tentativo di ferire o uccidere il dott. Kondraki.

Il dott. Kondraki si procura diverse ferite in questo modo, anche se riesce a schivare la maggior parte delle protuberanze. Tenta di indurre SCP-682 a fare una virata stretta tirando il cavo ed è in grado di dirottare SCP-682 dal suo precedente tragitto.

SCP-682 continua la sua carica, dirigendosi verso i dormitori del personale. Con uno scatto, SCP-682 irrompe nell'unità di contenimento di SCP-173. In questo momento, si osserva che sia SCP-682 che il dott. Kondraki si stanno sforzando di mantenere il contatto visivo diretto con SCP-173, nonostante i loro tentativi di sopraffarsi a vicenda.

Si vede il dott. Kondraki parlare con SCP-682 e si registra una serie di ruggiti che corrispondono alla “voce” di SCP-682.

SCP-682 comincia a sbattere la schiena contro i muri e il soffitto, cercando di schiacciare il dott. Kondraki. La loro apparente conversazione continua.

Il dott. Kondraki sembra ridere, per poi fare un altro strattone violento. Fa deviare SCP-682 ancora una volta, verso l’area ristoro del personale, dopo aver controllato un dispositivo sul suo polso.

SCP-682 irrompe attraverso la seconda parete di quarantena e arriva nel settore del personale.

Il dott. Kondraki aspetta finché SCP-682 non arriva all'area ristoro. Reggendosi ai cavi, salta in avanti con una forza tremenda, sorvolando la testa di SCP-682 e superandola a mezz’aria.

SCP-682 tenta di mordere il dott. Kondraki mentre corre si precipita verso una sedia solitaria al capo di un tavolo.

Il dott. Kondraki svanisce dal contatto visivo appena SCP-682 lo divora.

SCP-682 continua a causare ulteriori danni strutturali, dopodiché comincia ad avanzare verso l’attuale zona di evacuazione.

Registrazione Audio 682-K

Dott. Kondraki: Sei proprio un tipo che tiene il muso, vero?

SCP-682: Tu sei… il più fastidioso in assoluto della tua… “specie” che abbia mai incontrato. Ucciderti sarà un favore per tutta la tua realtà.

Dott. Kondraki: Hai pranzato col vampiro, Godzilla, non serve che mi faccia alcun favore. Perché non mi fai scendere e la facciamo finita?

[rumori di cemento masticato e metallo piegato]

Dott. Kondraki: Immagino che non sia un'opzione. Che ne dici se [grugnisce] mi porti dove devo andare, così mi levo dai tuoi capelli?

SCP-682: Non sei solo il più fastidioso, ma anche quello con meno buonsenso. L'unico modo in cui può finire è con te morto e ancora più marcio di quanto non sia già.

Dott. Kondraki: Mi sembra giusto, proviamoci.

SCP-682: Queste sono le prime parole di uno di voi… esseri disgustosi… con cui sono d’accordo.

[il rumore di metallo che stride contro lo smalto dei denti di SCP-682 copre il resto della conversazione. Un inquietante schiocco delle mandibole di SCP-682 conclude la registrazione]

Registrazione dell'Evacuazione S-E-19

La rimozione delle anomalie di classe Safe e Euclid dal Sito-19 continua. I trasporti agli eliporti dall'A all'E per contenimento temporaneo fuori dal sito procede bene, nonostante l’attuale pandemonio.

[Per rilevanza, questa registrazione è stata redatta per concentrarsi su SCP-298 e gli eventi nel Corridoio D-17]

Diversi membri del personale di Livello 1 si occupano del trasporto di SCP-298, viste le sue dimensioni notevoli. La larghezza di SCP-298 occupa la maggior parte del corridoio.

Uno dei membri del personale è seduto su SCP-298 mentre viene trasportato, suonando l'organo per finta. Le registrazioni audio confermano che l'impiegato aveva vinto una scommessa prima dell'incidente.

Si sente un’esplosione che causa un tremore. Diversi membri del personale indugiano e SCP-298 viene lasciato cadere. Si sente uno strano rumore, notato anche da molti membri del personale (adesso è stato confermato che il rumore era quello di un rapido spostamento d’aria). I membri personale si spostano dietro l'organo e sentono dei rumori di scontro.

Si vede il dott. Kondraki, con diverse ferite sul corpo. Facendo un balzo, scavalca SCP-298.

Appare anche SCP-083-D, ricoperto di un liquido ignoto. SCP-083-D svolta l'angolo dopo il dott. Kondraki, ma vede solo alcuni membri del personale e l'organo. Lo si vede parlare.

Il dott. Kondraki ordina all'uomo accanto a lui di iniziare a suonare.

Registrazione Audio C-298-K-083

SCP-083-D: [urlando] Dov'è?! Voi! L’avete visto senz’altro! Ditemi dove si trova e potrei non uccidervi tutti!

Impiegato 1/298/3: Chi? Quel pazzo che ci ha appena superati? È proprio dietro questo affare!

SCP-083-D: Bene. Potrei addirittura aggiungerti alle mie guardie personali, che onore sarebbe… cosa diamine è questo suono?

Dott. Kondraki: Bach. È Bach. Mi piace chiamarlo “non vorrei essere nei tuoi panni, preludio”.

SCP-083-D: Che stai… [comincia a urlare] quello è il mio sangue?! Che stai facendo al mio sangue?!

Impiegato 1/298/2: Devo continuare a suonare, dottore?

Dott. Kondraki: Non osare fermarti, neanche per un secondo!

SCP-083-D: Fermati! Farò quello che vuoi, qualunque cosa, ma smetti di suonare quell’organo! Non posso…

Dott. Kondraki: E così avevo ragione, non puoi rigenerare il tuo sangue.

SCP-083-D: No! Non voglio morire. Non dovrei morire, non io! Non sono come voi!

Dott. Kondraki: Tutti muoiono, Duca. Importa solo chi muore in un certo giorno e oggi è il tuo giorno fortunato.

SCP-083-D: Figlio di… [muore]

Registrazione di Sicurezza S-E-19

Il sangue di SCP-083-D viene estratto dal suo corpo dalla musica di SCP-298. Il sangue si modella a mezz'aria come una gelatina solida, prendendo la forma di un albero senza foglie.

Il dott. Kondraki si discosta dalla piattaforma di SCP-298, dicendo al pianista di continuare a suonare. Scompare in una stanza in fondo al corridoio.

Il sangue di SCP-083-D viene prelevato del tutto e il suo corpo rinsecchito cade prono sul pavimento. La carcassa subisce una rapida decomposizione, diventando uno scheletro spoglio nel giro di un minuto.

Il dott. Kondraki ritorna con un contenitore di vetro e ordina al pianista di fermarsi. Il dottore comincia a raccogliere il sangue gelificato dall'aria, mettendolo nel contenitore trasparente. In meno di un minuto, il sangue torna liquido.

I membri del personale sembrano non avere comprensione dell'evento appena accaduto.

Il dott. Kondraki sigilla il contenitore e si avvicina allo scheletro. Recupera il teschio e se lo mette sottobraccio. Il dott. Kondraki abbandona il Sito-19 in elicottero senza problemi, scambiato per un membro della squadra di evacuazione.

I membri del personale sono ancora piuttosto attoniti. Le sirene ricordano loro che SCP-682 è ancora a piede libero nel Sito-19.

ESTRATTO DELL'INTERVISTA POST-INCIDENTE 083-AR9-59

Intervistatrice: Quindi lei non pensa che il dottor Kondraki si sia comportato in maniera sconsiderata?

Dott.ssa Rights: Non ho detto questo, ma in senso relativo, in confronto ad altre cose che ha fatto? Almeno stavolta aveva un piano. O la parvenza di un piano.

Intervistatrice: Ha visualizzato le registrazioni dall’inizio alla fine, vero?

Dott.ssa Rights: Si, tutto quanto. Una manciata di volte, in effetti, e ho voluto riguardarmi le mie parti preferite.

Intervistatrice: E non è affatto preoccupato della minaccia o del pericolo che il dottor Kondraki rappresenta?

Dott.ssa Rights: Senta, quell'uomo è un maestro dell'improvvisazione. E a volte… anzi, sempre, ci sono dei danni collaterali. Ma questo non cambia il fatto che Kondraki, in qualche modo bizzarro, sa cosa sta facendo. E le dirò: se questo mi ha salvato il culo un paio di dozzine di volte nel mentre, non mi lamento.

Intervistatrice: Quindi la sua opinione personale è che non sia una minaccia?

Dott.ssa Rights: Meno di quell’Edward Cullen dei poveri. Voglio dire, ho un feticismo per i vampiri come lo ha ogni ragazzina cresciuta leggendo Anne Rice, ma suvvia. Inoltre, lanciargli addosso del piscio di gatto! È stato bellissimo!

Intervistatrice: E nella sua opinione professionale, avendo lavorato con il dottor Kondraki in passato?

Dott.ssa Rights: È chiaro che non è stata al Sito-17 di recente. La professionalità non è il mio forte. E nemmeno quello di Kondraki, in effetti. Peccato per il Sito-19, però; almeno è andato perduto con stile.

Registrazione di Sorveglianza Stanza di Osservazione S17-█-██-████

Dott. ████: Oddio, come fa a peggiorare le cose di continuo?

Dott. ██████: Non ne ho idea. Questa ripresa è pure sfasata, a quest’ora avrà già raso al suolo tutta la struttura e… sta cavalcando SCP-682?!

Dott. ████: Non riesco a credere che lavoriamo per questo tizio. Ho quasi voglia di cantarne quattro di persona a quell'idiota e dimettermi!

Dott. Kondraki: Che state guardando, ragazzi?

Dott. ████: Niente, solo il nostro capo che distrugge il sito più grande della Fondazione. Riesci a crederci?

Dott. Kondraki: Accidenti, che roba.

Dott. ██████: Amico mio, forse è meglio se ci dai un taglio.

Dott. ████: Smettila, tanto non saprà che l’ho detto. Se potessi scamparla, lo terminerei io stesso!

Dott. Kondraki: Terminare chi? Questa chiacchierata mi piace già.

Dott. ████: Credo di aver visto abbastanza. Penso che andrò a fare due passi.

Dott. Kondraki: Allora prenderò il tuo posto. Qualcuno ha un pacchetto di popcorn?

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License